Navigation – Plan du site
Instruments vétérinaires

I termini rota, strophus, mac(h)ina e la riduzione della lussazione della spalla del cavallo

Les termes rota, strophus, mac(h)ina et la réduction de la luxation de l’épaule du cheval
The terms rota, strophus, mac(h)ina and the treatment to reduce the dislocation of a horse’s shoulder
Vincenzo Ortoleva
p. 115-141

Résumés

Sont examinés en détail les termes rota, strophus et mac(h)ina, qui apparaissent dans le développement de la réduction de la luxation de l’épaule du cheval au § 583 de la Mulomedicina Chironis (le terme rota est également utilisé dans Pelagon. 44, 3 et dans Veg. Mulom. 2, 45, 7 et 2, 46 ; dans ce dernier passage se trouve aussi mac(h)ina). Après l’exposé des opinions des savants modernes, qui se sont exprimés sur l’argument de façon plutôt divergente, nous passons à l’analyse de traitements semblables présents chez les auteurs grecs et leurs continuations dans les traités médiévaux latins et romans. Cette enquête a démontré comment l’examen du matériel iconographique de certains manuscrits de tels traités, joint à celui de certaines techniques équivalentes encore en vigueur en médecine vétérinaire de l’âge moderne, peut contribuer de manière déterminante à résoudre les questions d’interprétation du point de départ.

Haut de page

Notes de l’auteur

Questo contributo si inserisce nell’ambito del Progetto di Ricerca FIR 2014 dell’Università di Catania da me coordinato dal titolo « Dall’oggetto al testo: testimonianze letterarie e materiali della produzione scientifica e tecnica del mondo antico. Un progetto multidisciplinare per la valorizzazione del patrimonio culturale ».

Texte intégral

1. Pelagon. 44, 3, Chiron 583 e il problema del termine rota

  • 2 Cam, 2007, p. 199-204.
  • 3 Si riporta il testo di Fischer, 1980, ad loc. Il passo si rinviene solo nel cod. Firenze, Bibliotec (...)

1È merito di Marie-Thérèse Cam aver riportato l’attenzione sul termine rota, con cui nei trattati di veterinaria latini si indica uno strumento atto a curare la lussazione della spalla del cavallo2. Una prima attestazione si rinviene in Pelagon. 44, 3, dove si fa riferimento alla rota solo con un breve accenno, quasi si trattasse di qualcosa di ben noto ai veterinari e agli allevatori3:

...et si fuerit necesse aut eiecerit (scil. armum), ex more ad rotam [et necesse ex more ad rotam] armum reponito et suprascriptis medicaminibus curato.

  • 4 Ihm così ritorna su questo luogo nel commentario (Ihm, 1892, p. 145): « aut ut supra feci, unci pon (...)
  • 5 Hoppe, 1928, p. 10; cfr. anche Hoppe, 1929, p. 17.

fuerit necesse aut seclus. Ihm4, def. et post eiecerit dist. Hoppe5 || et necesse ex more ad rotam om. Sarch. seclus. Ihm, Hoppe et Fischer.

  • 6 Questo passo di Pelagonio si rinviene così rielaborato in Veg. mulom. 2, 45, 7: quodsi eiecerit, iu (...)

« e se sarà necessario o se la spalla sarà lussata, mettila a posto con la ruota secondo la tecnica consueta e curala con i medicamenti sopra descritti6 ».

2Ben più dettagliata è la descrizione della cura della lussazione della spalla in Chiron 583. Riporto qui di seguito un testo da me costituito in via provvisoria:

  • 7 La forma iosum equivale a deorsum: cfr. ThLL, s. v. deorsum, col. 559, 27-31.
  • 8 M = München, Staatsbibliothek, clm 243, XV sec.; B = Basel, Universitätsbibliothek, D III 34, XV se (...)

Si recens causa fuerit, statim allides eum et armum ad rotam duces aut ad machinam, si habes. Si ad rotam duces, stringes eum medium ad columnam; si in campo, strophum fige aut palum. Allides eum et medium uaste cinges, ne uentum recipiat nisi armum ducas. Armum leuiter sic loro alligabis supra genu et iosum7 et infra articulum. Aequaliter duces, donec strepitum audias uertibuli8.

allides1MB: -ges Oder || allides2B: -ges Oder alides M || uaste MB Oder: ueste Bücheler || uentum Oder (ex corr. Bücheler): ebentum MB || articulum (-cul’) B: -culis M Oder || strepitum B: -dum M.

3Tale descrizione della Mulomedicina Chironis è molto concisamente così ripresa (ma anche modificata) in Veg. mulom. 2, 46:

Genu uel basim si emouerit, ad tormentum rotae uel macinae locis suis eiecta restitues...

  • 9 Il testo è stato da me costituito. Per le sigle dei mss. non utilizzati da Lommatzsch, 1903, cfr. O (...)

deest in L || uel basim Wεζπ: si basim γ || si emouerit W: si emouerint F si se emouerit E si se mouerit ζ si semouerit π exierit γ || tormentum rotae Wεζπ: torcular γ || uel macinae om. γ || macin(a)e Fζπ: macene W matine E machinae edd. || locis suis eiecta restitues Wεζπ: mitte et sic loco suo restitue γ9.

« In caso di lussazione del ginocchio o del pastorale, rimetti a posto gli arti lussati per mezzo della trazione della ruota o della mac(h)ina ».

4M.-T. Cam nello studio sopracitato aveva fornito la seguente traduzione di Chiron 583:

  • 10 Cam, 2009, p. 198-199.

« Si le traumatisme est récent, aussitôt tu l’attacheras et tu réduiras son épaule à la roue ou à la machine, si tu en possèdes. Si tu réduis à la roue, tu le ceindras par le milieu à une colonne. Si c’est en plein champ, plante en terre le cabestan (?) ou le pieu ; tu l’attacheras et le sangleras par le milieu largement ; qu’il ne reçoive pas le vent, si tu ne réduis pas l’épaule. Sans serrer tu attacheras ainsi son antérieur avec une courroie au-dessus du genou et en dessous et au bas du boulet, tu réduiras avec une tension égale, jusqu’à ce que tu entendes un craquement de l’articulation10 ».

  • 11 Cam, 2009, p. 200, da Marcenac, 1974, p. 154, fig. 172.
  • 12 Su elido e sul suo sviluppo semantico cfr. Adams, 1995, p. 605. Il verbo elido ricorre più volte ne (...)

5Come si può notare dalla sua traduzione, M.-T. Cam accoglie la duplice emendazione alliges di Oder contro allides dei due manoscritti e intende pertanto che il cavallo fosse legato in piedi a un sostegno per tutta la durata dell’operazione. A tal fine riproduce nel suo studio un’illustrazione in cui si ritrae un bovino assicurato in piedi a un albero per mezzo di cinghie11, per passare poi a indagare il valore dei termini rota, machina e strophus. Prima tuttavia di esaminare in dettaglio le ipotesi formulate da M.-T. Cam e da altri studiosi sul termine rota in contesti veterinari e di soffermarmi a mia volta su strophus e machina, è necessario definire il dato fondamentale della posizione dell’animale durante l’operazione, a cui si è appena accennato. Come si è infatti detto, se – come fa M.-T. Cam – si accettano le due emendazioni di Oder (alliges) è facile pensare a un animale in piedi in qualche modo legato a un sostegno. È tuttavia evidente che le cose stanno ben diversamente. In primo luogo le emendazioni di Oder sono errate. Nelle lezioni allides di MB bisogna riconoscere la forma assimilata di un originario ablido (non ad-), che è in sostanza un sinonimo del più attestato elido, verbo che in ambito veterinario significa appunto ‘atterrare’12. Che l’animale dovesse essere per prima cosa atterrato risulta inoltre con tutta evidenza da un passo del veterinario Ippocrate (tenuto del resto ben presente da M.-T. Cam) relativo proprio alla cura della spalla lussata e su cui torneremo in dettaglio successivamente:

  • 13 Riproduco il testo di M (Paris, Bibliothèque Nationale, gr. 2322, X sec.) e ringrazio molto in ques (...)

Hipp. Par. 186 (~ Hipp. Ber. 26, 13)13
᾽Ἐὰν ἵππος ὦμον ἐκβάλῃ.
᾽Ἐὰν ἵππος ὦμον ἐκβάλῃ τῶν ἄλλων ὑποζυγίων, ῥίψον αὐτὸν ἐπἰ τὸ ἔδαφος, ἵνα ἐκβεβλημένος ὦμος ἐπάνω , καὶ δήσας τὸν πόδα ἀπότεινον προσδήσας πρὸς δένδρον, καὶ στρογγάλην ποιήσας ἐπίτεινε προσηνῶς...

  • 14 Il testo di B è ancora più problematico: Ἐὰν ἵππου ὦμος ἐκβληθῇ τινος τῶν ὑποζυγίων, ῥῖψον αὐτὸν (...)

« Se un cavallo ha la spalla lussata.
Se un cavallo (o altri quadrupedi) ha la spalla lussata, atterralo in modo tale che la spalla lussata sia rivolta verso l’alto; fissa (il cavallo?) a un albero, lega il piede ed estendilo; fa’ un nodo scorsoio e tira in maniera graduale...
14  ». 

6Come si può vedere, il testo greco è inequivocabile: ῥίψον αὐτὸν ἐπὶ τὸ ἔδαφος («gettalo a terra»). Stabilito questo dato fondamentale, ogni cosa deve essere intesa di conseguenza. Aggiungo inoltre che un procedimento del tutto simile a quello descritto in Chiron 583 si rinviene nella cosiddetta Epitome degli Hippiatrica greci (Hipp. Lugd. 28); anche in questo caso il cavallo risulta preliminarmente atterrato, oltre che legato: δήσας καὶ ῥίψας αὐτὸν ἐπὶ γῆς (« avendolo legato e abbattuto a terra »). Ma anche su questa importantissima testimonianza torneremo in seguito in dettaglio. È bene prima passare in rassegna i tentativi di interpretazione del termine rota in Pelagonio e nella Mulomedicina Chironis.

2. Interpretazioni del termine rota e delle modalità dell’intervento

  • 15 Werk, 1920, p. 234-235.
  • 16 Secondo Werk il termine fr. deriverebbe dal fatto che la strada appare smossa durante il cattivo te (...)
  • 17 Del resto Werk nel riportare il testo di Chiron 583 scrive (due volte) allides e non alliges dell’e (...)

7Una prima ipotesi riguardo al termine rota si trova in un raro studio del 1920 di Albert Werk (medico veterinario a Reichenbach in Slesia, oggi Dzierżoniów in Polonia)15. In verità la teoria formulata da Werk è del tutto improponibile e merita di essere qui menzionata esclusivamente per ragioni di completezza. Werk riteneva infatti che rotam altro non sia che una variante grafica di rutam, termine che – nelle intenzioni dello studioso – sarebbe da riconnettersi al verbo ruo (Werk rinviava al francese route16) e avrebbe il significato di ‘paglia ammassata’, che sarebbe dovuta essere posta sotto l’animale a mo’ di lettiera (in tal caso ducere ad avrebbe avuto valore di ‘condurre a’). Per quanto inverosimile tale interpretazione ha comunque il merito di considerare giustamente steso a terra l’animale che riceve la cura17.

  • 18 In effetti il sardo ròda, arròda non indica propriamente l’aia ma « designa [...] una certa quantit (...)
  • 19 Grevander, 1926, p. 138.
  • 20 Grevander, 1926, p. 138, n. 3: « An beiden Stellen ist allides für Oders alliges überliefert. Dies (...)

8In qualche modo simile all’interpretazione di Werk è quella di Sigfrid Grevander, che nel suo studio del 1926 sulla lingua della Mulomedicina Chironis avanza l’ipotesi che il termine rota sia da riconnettersi al sardo roda, ‘aia’18, e – come era già stato per Werk – sarebbe in contrapposizione con il successivo in campo (anche in questo caso si dà a ducere ad il valore di moto a luogo)19. Diversamente da Werk, Grevander difende invece (erroneamente) l’emendazione alliges di Oder20.

  • 21 Hoppe, 1928, p. 9-10. Lo studio non compare neppure nella bibliografia dell’ed. di Fischer, 1980.
  • 22 E il testo così stabilito da Hoppe è – come si è visto – accolto anche da Fischer, 1980.
  • 23 Cfr. anche Ihm, 1892, p. 145.
  • 24 Ahlquist, 1909, p. 8-9: « In mit dem Ablativ statt eines erwarteten Akkusativs ».
  • 25 Hoppe, 1928, p. 10: « Also war die rota eine Drehvorrichtung ». Il concetto viene ribadito in Hoppe (...)

9Considerazioni molto più interessanti, e di ben altro spessore scientifico, si rinvengono in uno studio di Karl Hoppe del 1928 che non risulta stranamente mai citato da coloro che si sono successivamente occupati del problema21. In primo luogo Hoppe critica giustamente la doppia emendazione alliges di Oder: allido – come si è già detto – ha qui il valore di ‘atterrare’. Per quando riguarda invece Pelagon. 44, 3, Hoppe ricostruisce correttamente il testo espungendo solo et necesse ex more ad rotam22. Egli rifiuta inoltre, ancora una volta a ragione, l’interpretazione che emergeva nell’edizione di Max Ihm del 1892; questi infatti a p. 213 del suo Index rerum et vocabulorum scrive eicere armum ad rotam (« lussare la spalla a causa della ruota »), quasi che la lussazione fosse stata causata in qualche modo dalla ruota di un carro23. Anche l’idea di Grevander, secondo cui rota significherebbe ‘aia’, viene opportunatamente confutata da Hoppe, che fa fra l’altro notare – ma questo argomento appare più debole – che presso gli antichi l’aia era sicuramente un luogo posto all’aperto, dove difficilmente si poteva trovare una colonna a cui legare l’animale (Chiron 583: stringes eum medium ad columnam). D’altra parte, sottolinea ancora Hoppe, in campo di Chiron 583 (che Grevander, come del resto già Ahlquist24, sembra considerare un equivalente di in campum) non può essere in opposizione con ad rotam, perché qui ducere significa ‘tirare (l’arto)’, non ‘condurre (il cavallo)’ (come interpretavano Werk e Grevander). In conclusione, per Hoppe rota doveva indicare un non meglio specificato dispositivo rotante con cui l’arto veniva tirato25.

  • 26 Rieck, 1932, p. 10-11.

10In qualche modo su questa linea si esprime anche Wilhelm Rieck – che però non cita Hoppe – nel suo lavoro del 1932 sullo strumentario dei veterinari antichi e medievali. Rieck si sofferma infatti sul testo della Mulomedicina Chironis e sulla sua ripresa in Veg. mulom. 2, 46, mostrandosi convinto che per rota si dovesse intendere qualcosa di simile alla macchina descritta da Gaspard de Saunier (1663-1748), nel suo trattato La parfaite connoissance des chevaux del 1734, per ricomporre gli arti lussati e riprodotta in illustrazione da Leonhard Hoffmann (1845-1921) a p. 38 del primo volume del suo Atlas der tierärztlichen Operationslehre del 190826. L’illustrazione, che non compare nello studio di Rieck, è quella riprodotta alla Fig. 1.

Fig. 1. Ricostruzione della macchina di de Saunier in Hoffmann, 1908, 1, p. 38, fig. 1.

Fig. 1. Ricostruzione della macchina di de Saunier in Hoffmann, 1908, 1, p. 38, fig. 1.
  • 27 Hoffmann, 1908, 1, p. 38, fig. 1. Rieck non fornisce alcuna indicazione riguardo al n. di pag. Il r (...)
  • 28 Saunier, 1734, p. 99-100 (« Remède pour un véritable écart, ce qu’on s’appelle entr’ouvert »): «... (...)
  • 29 Anche nella traduzione tedesca di Chiron 583 di Wohlmuth, 1978, p. 32-33, si interpreta assai chiar (...)

11Rieck in effetti non dà alcun ragguaglio su de Saunier (ne cita solamente il cognome), poiché probabilmente è del tutto dipendente da Hoffmann, che come didascalia alla sua illustrazione dice semplicemente: « Befestigung von Saunier »27. Se si legge invece l’analitica descrizione di de Saunier, ci si renderà conto che egli, pur trattando dei rimedi per le lussazioni delle spalle, non descrive un sistema che possa pervenire da solo alla riduzione della stessa, ma un meccanismo che, mediante una corda arrotolata attorno alla ruota di un carro, metta in trazione l’arto allo scopo di potervi eseguire delle successive operazioni chirurgiche28. Del resto Hoffmann parla di Befestigung, ‘fissaggio’ e riproduce il dispositivo applicato a una zampa posteriore. In ogni caso, nella descrizione di de Saunier si rinvengono delle indicazioni molto interessanti per l’interpretazione del passo di Chiron 583, che verranno messe in evidenza successivamente29.

  • 30 Cam, 2009, p. 202. La studiosa riprende l’illustrazione da Fleury, 1993, p. 116, fig. 7.

12Dal canto suo M.-T. Cam ritiene invece che la rota dei testi di veterinaria designerebbe per sineddoche una sorta di argano, fissato su un’intelaiatura di legno, con cui poter porre in tensione l’arto interessato. Per maggiore chiarezza la studiosa riproduce nel suo studio un’illustrazione in cui è ritratta la ricostruzione di un argano. Ma come conciliare l’uso di un simile dispositivo con la posizione eretta dell’animale30?

  • 31 Sephocle, Gitton-Ripoll e Vallat, 2012, p. 184-185. Ringrazio sentitamente François Vallat per aver (...)
  • 32 A una qualche macchina particolare aveva pensato pure Schneider, 1797, p. 59, a proposito di Veg. m (...)
  • 33 A proposito dell’apparecchio gli autori (Sephocle, Gitton-Ripoll e Vallat, 2012, p. 185) non mancan (...)

13L’idea di un particolare strumento per esercitare la trazione si rinviene pure in uno studio del 2012 a cura di Louise Sephocle, Valérie Gitton-Ripoll e François Vallat, che costituisce il più serio – e insieme il più recente – tentativo di interpretazione del passo di Chiron 58331. Secondo i tre studiosi la rota degli antichi veterinari non poteva essere infatti che una sorta di verricello, dal funzionamento in qualche modo simile a quello descritto da Ippocrate in articul. 7332. Per meglio illustrare l’ipotetico funzionamento del congegno gli autori si servono del disegno riprodotto alla Fig. 2. In esso si vede un cavallo correttamente rappresentato steso sul terreno, mentre l’apparecchio consiste in una ruota simile a quella di un carro rigidamente fissata tramite delle stanghe a un paletto conficcato per terra. Un cavo assicurato da un lato all’arto dell’animale e dall’altro legato al mozzo della ruota, una volta posto in tensione mediante l’azionamento manuale della stessa, avrebbe consentito di esercitare una trazione sull’arto e quindi la riduzione della lussazione33.

Fig. 2. Ricostruzione del funzionamento della rota in Sephocle, Gitton-Ripoll e Vallat, 2012, p. 184.

Fig. 2. Ricostruzione del funzionamento della rota in Sephocle, Gitton-Ripoll e Vallat, 2012, p. 184.

3. Esame delle testimonianze della tradizione greca e delle sue continuazioni latine e romanze, con particolare riguardo alle illustrazioni presenti in alcuni manoscritti

  • 34 Riproduco il testo sulla base del cod. V (Leiden, Universiteitsbibliotheek, Voss. Gr. Q. 50, XIV se (...)

14Pur considerando la notevole verosimiglianza dell’interpretazione di Sephocle, Gitton-Ripoll e Vallat, bisogna tuttavia precisare che in verità le cose stanno diversamente. Abbiamo prima visto come la testimonianza di Ippocrate veterinario in Hipp. Par. 186 mostri inequivocabilmente che l’animale doveva essere preventivamente atterrato (particolare del resto ben compreso da Sephocle, Gitton-Ripoll e Vallat, 2012). Esaminiamo ora quanto si legge all’inizio del cap. 13 della cosiddetta Epitome (= Hipp. Lugd. 28), dove si forniscono ulteriori e importanti ragguagli relativi alla cura della spalla lussata34:

  • 35 Come notano Oder e Hoppe, equivale a παραπρόωσον (cfr. infra per la discussione). Anche QZ I hanno (...)

Περὶ ἐκβολῆς ὤμου.
Ἐὰν ἵππου ὦμος ἐκβῇ, δεῖ ἐπιγινώσκειν αὐτὸν οὕτως· σύρει τὸν πόδα καὶ οὐ δύναται περιπατῆσαι, ἀλλὰ τὸν ὄνυχα τίθει πρὸς τὴν γῆν. τούτου δὲ γινομένου δεῖ θεραπεύειν αὐτὸν οὕτως· δήσας καὶ ῥίψας αὐτὸν ἐπὶ γῆς πρόσδησον εἰς τὸ πάσχον μέρος τοῦ ποδὸς ἅμαξαν, καὶ παράπρωσον35 αὐτὸν ἰσχυρῶς ἔμπροσθεν, ἵνα ἐκτινασσόμενος ποὺς ποιήσει εἰσελθεῖν εἰς τὸ κατὰ φύσιν τὸν ὦμον αὐτοῦ. ὅτε δὲ νοήσεις ὅτι εἰσέβη εἰς τὸν τόπον αὐτοῦ, ἀνάστησον αὐτὸν ἀπὸ τῆς γῆς καὶ ποίησον κρεμάστραν, καθὼς ποιεῖς ἐπὶ τοῖς κεκλασμένοις ζῴοις, καὶ κρέμασον αὐτόν.

παράπρωσον Oder-Hoppe: -προσον V || αὐτὸν V (QZ S I): αὐτὴν Oder-Hoppe.

« La lussazione della spalla.
Se un cavallo ha una spalla lussata, lo si deve riconoscere in tal modo: trascina il piede e non può camminare, ma poggia l’unghia per terra. Se ciò avviene, bisogna curarlo così: dopo averlo legato e abbattuto, lega al piede dell’arto sofferente un carro e spingi fuori in avanti il piede con forza, affinché il piede, una volta portato verso l’esterno, possa far rientrare al suo posto la spalla dell’animale. Quando ti accorgerai che questa è rientrata al suo posto, fallo alzare da terra e predisponi un sostegno pensile, così come si fa con i cavalli che hanno delle fratture, e collocalo in sospensione ».

  • 36 Con R si indica il cod. Paris, Bibliothèque Nationale, gr. 2244, XIV sec.

15Oltre al fatto che venga ribadita la necessità di atterrare l’animale (δήσας καὶ ῥίψας αὐτὸν ἐπὶ γῆς), in questo testo si nota subito un’informazione molto importante: il piede corrispondente all’arto dolente va legato a un carro (πρόσδησον εἰς τὸ πάσχον μέρος τοῦ ποδὸς ἅμαξαν). Anzi, per la precisione, l’autore dice che un carro va legato al piede. Ma c’è di più. Com’è noto, i codici RV36 dell’Epitome sono corredati di immagini che illustrano i vari precetti terapeutici. Purtroppo R è lacunoso e non tramanda il passo in questione. In V (f. 114) si rinviene invece un’illustrazione molto interessante (fig. 3): in essa l’arto del cavallo è legato a quello che sembra un carro a due ruote e, cosa molto significativa, l’operatore agisce con entrambe le mani su una di esse.

Fig. 3. Leiden, Universiteitsbibliotheek, Voss. Gr. Q. 50 (V), f. 114 (si ringrazia la Biblioteca per la concessione).

Fig. 3. Leiden, Universiteitsbibliotheek, Voss. Gr. Q. 50 (V), f. 114 (si ringrazia la Biblioteca per la concessione).
  • 37 Su Bartolomeo da Messina in generale, che fu soprattutto traduttore di Aristotele, si veda Impelliz (...)
  • 38 M = Madrid, Biblioteca Nacional, 593, XIV sec., f. 32; P = Pisa, Biblioteca Cateriniana, 146-56, XI (...)

16Di questo passo dell’Epitome esistono, per quanto ne sappia, due traduzioni latine. Una si trova all’interno della cosiddetta traduzione di Ierocle di Bartolomeo da Messina (attivo sotto il regno di Manfredi: 1258-1266), opera, ancora inedita, in realtà costituita da materiale di diversa provenienza37. Riproduco qui di seguito il testo del cap. 20 del secondo libro sulla base della collazione dei codici MP38:

De extractione scapulae.
Si uero permutetur scapula equi, oportet te cognoscere sic
: trahit autem pedes equus et non potest ambulare sed unguem suum ponit in terram. Hoc autem facto oportet sic curari: ligans et sternens equum in terram, liga patientem partem et pedem in aliquo palo ut discutiens uehementer pedem suum perueniat scapula sua ad locum suum proprium. Cum autem uidebis quod scapula sua deducta est ad locum proprium, eleua ipsum de terra et fac pendulam prout dictum est in equis qui habent crura fracta.

extractione P: -cione M || non om. M || terram P: -ra M || sic curari P: curare sic M || ligans P: liganis M || terram2 P: -ra M || patientem P: paci- M || discutiens P: -ciens M || post scapula sua ad. deducta est M || eleua M: elle- P.

« Se la spalla del cavallo è lussata, devi riconoscerlo in questo modo: il cavallo trascina i piedi e non può camminare, ma poggia lo zoccolo per terra. Se avviene ciò, bisogna curarlo così: dopo aver legato il cavallo e averlo abbattuto, lega la parte malata e il piede a un palo, in modo che, scuotendo con forza il suo piede, la sua spalla ritorni al proprio posto. Quando vedrai che la sua spalla è stata rimessa al suo posto, fallo alzare da terra e predisponi un sostegno pensile, così come è stato detto per gli animali che hanno le zampe fratturate ».

  • 39 Cfr. supra, n. 34.
  • 40 Si veda in particolare Cels. 8, 20, 5, a proposito della lussazione del femore: <si> ualidius, meli (...)

17Come si può subito notare, il traduttore inserisce il termine palus (liga patientem partem et pedem in aliquo palo) in luogo del sostantivo ἅμαξα del testo greco. Il fatto appare singolare in quanto tutti i testimoni a noi noti dell’Epitome in cui è riportato tale passo39 tramandano ἅμαξαν. A prima vista sembrerebbe difficile pensare a un intervento deliberato del traduttore, perché il concetto che l’arto dovesse essere energicamente tirato è molto più compatibile con l’immagine del cavallo legato a un carro piuttosto che a un palo. Soffermandosi di più sul testo sembra tuttavia apparire alquanto evidente che il palo fosse in qualche modo usato come leva (non a caso si rinverrebbe il verbo discutiens)40.

  • 41 Sponer, 1966, p. 40 (§ 174). Il testo edito da Sponer si basa sulla sola trascrizione del cod. di L (...)

18Più aderente al testo greco è invece, per quello che ci interessa, la traduzione latina dell’Epitome tràdita dai codici London, British Library, Add. 27626, XIV sec.; Città del Vaticano, Bibl. Apostolica Vaticana, Vat. Lat. 5366, c. 1300, e Yale, Beinecke Library, 127, XIV sec. (Y), ed edita da Gisbert Sponer nel 196641.

  • 42 La lezione equus fa pensare che il traduttore leggesse ἵππος come in QZ piuttosto che πούς di SV (i (...)

Ad infirmitatem humerorum.
Pro infirmitate de humeris si exeunt a propriis locis. Sic cognoscitur, quod trahit pedem et non potest ambulare, sed figit ungulam in terra. Hoc debet sic medicari
: ligans et ponens ipsum in terra, liga pedem illius partis qua dolet in uno curru et trahe currum et sic equus42 per uim leuabitur et humerus intrabit in suam propriam naturam. Et cum uideris quod intrat humerus eius fac tollere ipsum a terra et fac eum pendere sicut feceris in flebilibus animalibus.

ad infirmitatem humerorum Y: pro infirmitate de humeris Sponer || exeunt Y: exehunt Sponer || propriis Y: primis Sponer || figit Sponer : fingit Y || ungulam Y: -as Sponer || illius Y: illis Sponer || qua Y: quantum Sponer || sic Sponer: si Y || feceris Y: -rit Sponer.

« Per le affezioni delle spalle.
Per le affezioni delle spalle, nel caso di lussazioni. L’infermità si riconosce dal fatto che l’animale trascina il piede e non può camminare, ma punta lo zoccolo a terra. Deve curarsi così: avendolo legato e messo a terra, lega il piede dell’arto dolente a un carro e poi tira il carro; il cavallo così sarà con la forza liberato dal suo male e l’omero rientrerà al suo posto. Quando avrai visto che l’omero sarà rientrato, fallo rialzare da terra e mettilo in sospensione come faresti con gli animali indeboliti ».

19L’espressione liga pedem illius partis qua dolet in uno curru et trahe currum corrisponde dunque a πρόσδησον εἰς τὸ πάσχον μέρος τοῦ ποδὸς ἅμαξαν, καὶ παράπρωσον αὐτὸν ἰσχυρῶς ἔμπροσθεν dell’Epitome. Vedremo fra breve quanto sia fedele questa traduzione.

  • 43 Su questo corpus in tre libri tràdito da RV cfr. soprattutto Doyen-Higuet, 2006, p. 96-98. L’idea t (...)
  • 44 Su tale problema cfr. Fischer, 1999, p. 135-138 (spec. p. 137) e Damico, 2005, p. 334-345.
  • 45 Cfr. la particolareggiata descrizione di questi mss. in Brunori Cianti e Cianti, 1993, p. 285-297 ( (...)

20Com’è noto, il corpus di precetti ippiatrici che nei codici RV è costituito dai due libri del trattato di Ierocle e dall’Epitome che segue subito dopo – e che di tale corpus costituisce il terzo libro43 – si rinviene tradotto pure in volgare italiano. Resta ancora da stabilire se tale volgarizzamento fu condotto direttamente sul testo greco (cosa che può apparire singolare, ma a priori non escludibile) o tramite un intermediario latino di cui non sembrerebbero essere rimaste tracce44. Il volgarizzamento è tràdito da quattro manoscritti tutti corredati di illustrazioni: New York, Pierpont Morgan Library, M.735, in. XV sec., ff. 64-107; London, British Library, Add. 15097, m. XV sec., ff. 60-104; Modena, Biblioteca Estense, α. J. 3. 13, m. XV sec., ff. 1-48; Bologna, Biblioteca Comunale dell’Archiginnasio, A 1525, a. 1498, ff. 49-9145. Il testo del nostro passo leggibile nel volgarizzamento è il seguente (riproduco il testo del cod. di New York, f. 97v).

  • 46 Il termine sembra essere l’esito di un fraintendimento del greco κεκλασμένοις.

Se la spalla de lo cavallo esse fore.
Se la spalla de lo cavallo esse fore, lo canoscera’ in tale maniera, ca tira lo pede per terra e non pote andare, ma pone l’onga sopra la terra; facta questa cosa, divilo curare in tale maniera: legalo e gectalo in terra e lega lo pede chi àve la spala ropta allo carro e mena lo caro avanti fortemente azò che terato lo pede per forza trasire la spalla soa allo naturale. E quando senteray ca è trasuta allo loco sua, fallo levare da terra e falli fare una naca como se sole fare alle bestie schaczate
46 et appiendilo.

21Anche in questo caso si può facilmente notare come le parole lega lo pede chi àve la spala ropta allo carro e mena lo caro avanti fortemente riproducano il greco πρόσδησον εἰς τὸ πάσχον μέρος τοῦ ποδὸς ἅμαξαν, καὶ παράπρωσον αὐτὸν ἰσχυρῶς ἔμπροσθεν.

  • 47 Come altrove nel cod. di Modena l’immagine è solo accennata in punta d’argento e non è stata succes (...)

22I manoscritti che tramandano il volgarizzamento riservano tuttavia per noi un altro ausilio per la corretta interpretazione della tecnica di riduzione della lussazione della spalla praticata dagli antichi veterinari. Com’è stato prima accennato, tutti e quattro i codici attualmente noti contengono delle illustrazioni per ogni singolo precetto, così come del resto si rinviene nei loro antenati – diretti o indiretti – RV della tradizione greca. Se esaminiamo dunque le illustrazioni relative al nostro passo presenti nei singoli testimoni (fig. 4, 5, 6 e 7), non potremo non rilevare delle caratteristiche comuni molto definite47: cavallo abbattuto e legato sulla sinistra e con la testa rivolta verso il basso, carro a due ruote (o asse di un carro) dalle caratteristiche simili, uomo (o putto) che tira il carro sulla destra (la figura umana è assente nei disegni dei codici di Modena e di Bologna). Lo stesso non si può invece dire del disegno di V (fig. 3). In quest’ultimo manoscritto non solo il cavallo si trova con la testa rivolta verso l’alto, ma – quel che più ci interessa – qui l’operatore non tira il carro ma agisce con entrambe le mani su una delle sue ruote.

Fig. 4. New York, Pierpont-Morgan Library, M.735, f. 97v.

Fig. 4. New York, Pierpont-Morgan Library, M.735, f. 97v.

Fig. 5. London, © The British Library Board, Add. 15097, f. 94v.

Fig. 5. London, © The British Library Board, Add. 15097, f. 94v.

Fig. 6. Modena, Biblioteca Estense, α. J. 3. 13, f. 34v (su concessione del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo).

Fig. 6. Modena, Biblioteca Estense, α. J. 3. 13, f. 34v (su concessione del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo).

Fig. 7. Bologna, Biblioteca Comunale dell’Archiginnasio, A 1525, f. 81v.

Fig. 7. Bologna, Biblioteca Comunale dell’Archiginnasio, A 1525, f. 81v.
  • 48 Lazaris, 2010, p. 168-169. Sull’origine, le caratteristiche e le funzioni delle immagini in RV si v (...)
  • 49 Lazaris, 2010, p. 168, dice: « un instrument d’extension à usage médical ».
  • 50 Sulle bighe di età romana (e sul modello del British Museum in particolare) cfr. Sandor, 2012. Ring (...)

23La particolare tecnica utilizzata dall’operatore nell’immagine di V non era sfuggita a Stavros Lazaris48, che faceva in primo luogo notare che il disegno non rappresenterebbe perfettamente un carro (ἅμαξα), così come indicato nel testo corrispondente; si tratterebbe piuttosto – secondo lo studioso – di uno strumento di uso medico per tendere gli arti49. Sempre secondo Lazaris, l’illustratore avrebbe deliberatamente evitato di riprodurre quanto suggerito nel testo, disegnando invece un apparecchio più appropriato che egli avrebbe conosciuto bene. Inoltre, le mani poggiate sulla ruota di sinistra azionerebbero una puleggia che permetterebbe di tendere la corda fissata al piede del cavallo, in modo così da rimettere a posto, grazie alla trazione, l’arto lussato. La ricostruzione di Lazaris, sebbene non pienamente condivisibile, è molto interessante, perché pone l’accento proprio sulla posizione delle mani dell’operatore. Un punto deve però essere preliminarmente chiarito: l’illustratore (o meglio il suo modello) non si è granché discostato dal testo, perché qui non si tratta di una macchina particolare, ma di un calesse, o più precisamente di una biga. Basti confrontare l’immagine di V con alcuni modelli di biga romana (fig. 8 e 9) e tutto risulterà molto chiaro50. Il dato che il manufatto a due ruote del disegno di V sia proprio una biga ci potrebbe condurre inoltre a considerazioni molto più ampie circa l’origine di questi disegni e la datazione del loro archetipo, considerazioni che tuttavia esulano dalle finalità di questo studio.

Fig. 8. Modello in bronzo di biga di età romana (British Museum, inv. GR 1894.10-30.1 [Bronze 2695] © Trustees of the British Museum).

Fig. 8. Modello in bronzo di biga di età romana (British Museum, inv. GR 1894.10-30.1 [Bronze 2695] © Trustees of the British Museum).

Fig. 9. Modello in bronzo di biga di provenienza gallo-romana (Musée d’art et d’archéologie du Pays de Laon, Inv. 0.1176).

Fig. 9. Modello in bronzo di biga di provenienza gallo-romana (Musée d’art et d’archéologie du Pays de Laon, Inv. 0.1176).
  • 51 Che non si possa trattare di una puleggia, come dice Lazaris, è evidente per il fatto stesso che a (...)
  • 52 Anche QZ S I hanno αὐτόν (ringrazio ancora una volta Anne-Marie Doyen-Higuet per avermi fornito il (...)
  • 53 Cfr. supra, n. 35.
  • 54 Cfr. LSJ, s. v.
  • 55 Cfr. LSJ, s. v.
  • 56 Il verbo ἐκτινάσσω ha qui più propriamente il valore di ‘gettare fuori’; cfr. DGE s. v. A.I.

24Se ora osserviamo con attenzione il disegno di V, noteremo che, a differenza delle illustrazioni della tradizione volgare, l’operatore non tira il calesse, ma fa forza su una ruota di esso51. Lo scopo è evidentemente quello di esercitare una trazione vigorosa dell’arto, ma il più possibile precisa e limitata. Ciò grazie probabilmente all’azione di una ruota piuttosto grande. Viceversa, se si fosse trattato di spingere con forza il calesse, o addirittura di tirarlo (come illustrato nei manoscritti di New York e Londra), la corda sarebbe stata posta in tensione in modo poco uniforme e controllabile con effetti certamente disastrosi per il povero animale. Che tra il testo greco dell’Epitome e l’illustrazione di V non vi siano grosse discrepanze è del resto confermato dall’espressione πρόσδησον εἰς τὸ πάσχον μέρος τοῦ ποδὸς ἅμαξαν, καὶ παράπρωσον αὐτὸν ἰσχυρῶς ἔμπροσθεν. V tramanda giustamente αὐτόν, erroneamente corretto in αὐτήν da Oder e Hoppe52. I due editori avevano a ragione posto in evidenza in apparato come παράπρωσον sia una grafia in qualche modo alternativa di παραπρόωσον53. Il verbo παραπροωθέω non è, a quanto mi risulta, altrove attestato. Si rinvengono tuttavia sia παρωθέω, che προωθέω. Se quest’ultimo ha certamente l'accezione di ‘spingere in avanti’54 (significato che nel nostro testo è rafforzato da ἔμπροσθεν, che si rinviene subito dopo), παρωθέω possiede invece una gamma di significati più variegata: ‘spingere fuori’, ‘mettere da parte’ (e quindi ‘rigettare’, ‘trascurare’, ‘sorpassare’)55. Ma qui, come perfettamente mostra l’illustrazione, non si tratta di ‘spingere fuori in avanti’ il carro (ἅμαξαν) – cosa che non avrebbe alcun senso –, ma il piede (τοῦ ποδός) ! Ciò naturalmente per fare in modo che l’arto lussato venga fuori dalla posizione in cui si trova in seguito al trauma. Il maschile è quindi correttissimo. Il senso è invece frainteso nella traduzione latina edita da Sponer (et trahe currum) e nel volgarizzamento (e mena lo caro avanti). Da tale fraintendimento deriva naturalmente l’immagine della figura che tira il carro in due (codd. di New York e Londra) dei quattro manoscritti esaminati del testo in volgare. Nella traduzione latina che compare nell’opera di Bartolomeo l’interpretazione discutiens uehementer pedem suum sembrerebbe rendere insieme sia παράπρωσον αὐτὸν ἰσχυρῶς che ἵνα ἐκτινασσόμενος, ma tutto il senso è, come si è visto, viziato dall’introduzione del termine palus in luogo di uno equivalente a ἅμαξα56.

25Se ora torniamo al testo di Chiron 583, possiamo facilmente vedere come la rota a cui lì si accenna altro non era che la ruota del calesse o del carro. E che fosse proprio la ruota lo strumento principale su cui agire, e non la struttura stessa del carro, è dimostrato proprio dall’espressione ad rotam ducere (che, come si è visto, si rinviene anche in Pelagonio e, sulla scorta delle sue fonti, in Vegezio). Diversamente avremmo avuto ad currum ducere.

4. Il significato del termine strophus

  • 57 Oder 1901, 435 (nell’indice).
  • 58 E su questa scia traduce – come si è visto – V. Gitton-Ripoll (Sephocle, Gitton-Ripoll e Vallat, 20 (...)
  • 59 Hoppe, 1928, p. 9.
  • 60 La medesima obiezione si rinviene in Cam, 2009, p. 203. Hoppe pensava in alternativa che si potesse (...)
  • 61 L’uso di un piccolo argano (organulum) prescrive l’autore della Mulomedicina Chironis (Chiron 643) (...)
  • 62 Cam, 2009, p. 203. M.-T. Cam rinviava anche al gr. στροφεῖον, ‘argano’, e proponeva dubitativamente (...)
  • 63 Sulla derivazione di strophus e stroppus/struppus da στρόφος (‘corda’, ‘benda’, ‘fascia’) cfr. Bivi (...)
  • 64 Per un’analitica disamina delle attestazioni cfr. ancora Biville, 1990, p. 176-177. Fest. p. 410, 6 (...)
  • 65 Si tratta dell’unico testo in prosa dell’Anth. Lat. (intitolato Praefatio), redatto in una lingua v (...)
  • 66 Il passo è tratto dall’omelia per la dedicazione della chiesa di San Dalmazzo di Pedona (V sec.?), (...)
  • 67 Cfr. Du Cange, 1883-1887, s. v.: « septum, Gallis Clôture». In it. è attestato anche il verbo strop (...)
  • 68 Cfr. Battaglia, 20, 2000, s. v. 2.
  • 69 Si veda ad es. il napol. streppone/stroppone, ‘sterpo, raspo, gambo, torsolo’ (cfr. Altamura, 19682(...)
  • 70 Una rassegna completa dei significati in Piccitto e Tropea e Trovato, 5, 2002, s. v. Per altri esit (...)
  • 71 Wagner, 2, 1962, p. 437, s. v., non a caso afferma: « Ricorda il cal. sett. streppíne; salent. stru (...)
  • 72 Si veda tuttavia anche quanto raccomandava a proposito dei picchetti Saunier, 1734, p. 95 e 99-100, (...)
  • 73 M.-T. Cam (2009, p. 199) intendeva invece che in Ippocrate l’albero, attorno a cui sarebbe solo pas (...)

26Stabilito questo importante punto, possiamo passare a esaminare altri elementi del testo di Chiron 583 che hanno ricevuto le più varie interpretazioni da parte dei critici. In primo luogo è ora chiarissimo perché il cavallo dovesse essere legato a qualcosa: la trazione della ruota lo avrebbe trascinato in avanti e si sarebbe potuto compromettere il buon esito dell’operazione. Nelle illustrazioni questo dato non emerge, ma la cosa era molto importante. Per questo nella Mulomedicina Chironis si dice di legare strettamente l’animale a una colonna facendo probabilmente passare una corda sotto la sua pancia (stringes eum medium ad columnam). Ma se ci si trovava in campagna (in campo) sarebbe stato verosimilmente difficile trovare colonne. In tal caso l’autore consiglia di conficcare nel terreno un palo (a cui legare saldamente il cavallo) o uno strophus. Che cosa significa strophus? Oder57 riteneva che si trattasse di una variante grafica di struppus/stroppus58. Hoppe dal canto suo obiettava che indicando il termine stroppus una ‘correggia’ (Hoppe dice « Gurt ») o in qualche modo un ‘legaccio’59 risultava difficile immaginare come questo oggetto potesse essere piantato nel terreno in alternativa a un palus60. M.-T. Cam – come si è visto – traduceva (sia pur dubitativamente) dal canto suo strophum con ‘cabestan’, ‘verricello’, sempre nell’ottica che il veterinario disponesse di attrezzature specifiche per porre in trazione l’arto interessato dalla lussazione61. La studiosa pensava in particolare che lo strophus indicasse per sineddoche una puleggia montata su un paletto da fissare sul terreno, mentre il palus designasse un paranco, secondo l’equivalenza strophus = rota, palus = machina62. A me pare invece evidente che le cose stiano diversamente. Strophus è senz’altro da connettere al greco στρόφος al pari di stroppus63. Quest’ultimo termine ha generalmente il significato di ‘correggia’, ‘stroppo’ (legaccio per fissare il remo), ma se si considera Fest. p. 472,15-16 Lindsay: Struppi uocantur in puluinaribus <fasciculi> <de uerbenis facti, qui pro de>orum capitibus ponuntur (« si chiamano struppi i mazzetti di verbene che si collocano sui cuscini [in occasione dei lectisternia] al posto delle teste delle divinità ») ci si renderà conto che il sostantivo era attestato in latino anche nel senso di ‘fascio (di erba)’64. Esistono inoltre almeno due altre testimonianze antiche in questo senso: Anth. Lat. 19 R. (= 6 Sh. B.): ut apludam ... a me uelut ambrone collectam adoreos uertatis in struppos (« perché ... volgiate in fasci di farro la pula da me raccolta con inguaribile impudenza »)65 e soprattutto Ps. Val. Cem. hom. 5: Respice informia rudera, confractas icunculas, saxa dispersa, arefactos struppos (« guarda le informi rovine, le statuette spezzate, le pietre sparse qua e là, gli sterpi inariditi »)66. Questo significato deve essere a mio avvisto collegato con il latino medievale strupatura o stropatura, ‘recinzione’67, con l’italiano ant. stroppo ‘sterpo’68, ma soprattutto con il siciliano (ma attestazioni simili si rinvengono in altri dialetti meridionali69) struppuni: ‘sterpo’, ‘tronco di ramo’, ‘legna da ardere grossa e informe’, ‘torsolo’ (di mela o di pannocchia)70. Molto significativo è infine il sardo struvína (strovílla camp.), ‘terreno coperto di cespugli’, che Wagner erroneamente classifica come di origine preromana, ma che verosimilmente deve essere collegato proprio alla forma strophus71. Dunque lo strophus / stroppus altro non poteva essere che un piccolo pezzo di legno, un ‘picchetto’, da piantare nel terreno (in alternativa a un palus) allo scopo di assicurarvi saldamente il cavallo, in modo che questo non si muovesse nel momento in cui si esercitava la trazione con la ruota. Strophus e palus sostituivano la columna quando ci si trovava in aperta campagna (si in campo). Si è sopra messa in evidenza l’importanza di legare a qualcosa il cavallo quando si cominciava a tirare72: lo stesso Ippocrate che nel brano sopra citato (Hipp. Par. 186 [~ Hipp. Ber. 26, 13]), a quanto pare, prescrive di tirare l’arto con le sole forze delle braccia, sembra precisare anch’egli che il cavallo dovesse essere preventivamente legato a un albero (προσδήσας πρὸς δένδρον)73.

5. Continuazioni moderne della pratica della riduzione della lussazione descritta dagli antichi

  • 74 Ruini, 1598, 1, p. 289.

27Dobbiamo a questo punto chiederci: esistono tracce in età moderna di questa pratica? La risposta è sì. Nella famosa opera Dell’anotomia [sic] et dell’infirmità del cavallo (1598) di Carlo Ruini (1530-1598) al cap. 6, 11 della prima parte (« Della dislocatione della spalla ») si dice espressamente74:

...si conosce oltra i segni communi da tirar il cavallo la gamba, et non potere andare, ma metter l’ugna in terra. La sua cura è, che legato il cavallo de’ piedi, si getti subito a terra, di maniera che la spalla offesa venga a star di sopra; et si leghi con una corda fortissima il piede del lato offeso ad un carro di due ruote, overo ad una ruota; et dipoi si tiri col mezo loro gagliardamente la gamba, et si stenda senza torcerla verso la parte dinanzi, fin che si conosca l’osso esser ritornato al luogo suo. Fatto questo, si leverà il cavallo di terra, et si legherà in modo, che stando sospeso, non possa mover, né affaticar la gamba, né metter il piede in terra.

28Se tutta la trattazione di Ruini appare in qualche modo influenzata dal precetto dell’Epitome (cap. 13, Hipp. Lugd. 28) che abbiamo poco prima esaminato, l’inserimento dell’inciso « overo ad una ruota » (assente nel testo greco e nelle sue continuazioni) sembrerebbe derivare da una fonte non letteraria e potrebbe essere connesso a una pratica effettivamente nota all’autore.

  • 75 Sull’interessante figura di questo tipico esponente della nobiltà dell’Italia meridionale del XVII (...)
  • 76 D’Alessandro, 1711, p. 372.

29L’immagine della ruota, questa volta senza alcun riferimento al carro, si rinviene in un trattato successivo, quello di Giuseppe D’Alessandro (1656-1715)75, pomposamente intitolato Pietra paragone de’ cavalieri (« Dello spallato »)76:

...all’hora si gitta il cavallo a terra alla parte contraria della spalla offesa. Si leghi la spalla offesa con una corda ad una ruota del carro, poi si tiri gagliardemente, finché si conosca l’osso essere ritornato al suo luogo; fatto questo si leverà il cavallo da terra, e s’accomoderà in modo, che non possa ponere a terra il pied’offeso.

  • 77 Cfr. Cowen, 1961, p. 360-361.
  • 78 Deigendesch, 1716, p. 111.

30La descrizione moderna che sembra tuttavia più autenticamente connessa a pratiche realmente attuate, ricalcando nel contempo molto da vicino le tecniche degli antichi, si rinviene in un trattato di veterinaria tedesco del XVIII sec., che godette ai suoi tempi di una buona fortuna: si tratta del manuale di Johann Deigendesch, che sembra essere stato pubblicato per la prima volta a Reutlingen nel 1716. Come è stato messo in evidenza, l’opera di Deigendesch attinge in modo considerevole dalla pratica veterinaria di tutti i giorni (indulgendo pure nella prescrizione di rimedi magici e superstiziosi)77. Ecco dunque quanto si legge a proposito della cura della spalla lussata78:

  • 79 Ringrazio sentitamente Concetta Sipione per l’aiuto nella trascrizione e nella traduzione.

Wirf das Pferd nieder auf den Boden, und lege es auf den Rucken, und bevestige es wohl auf dem Boden mit Unbinden, alsdann mache ihm ein stark Seil um den kranken Fuß, bey dem Fesel, selbe wirf oberhalb über etwas bevestiget, und nicht weit davon, das Sail an ein Rad an einem Wagen oder Karren gebunden, welches auch wohl bevestiget seyn muß; alsdann treibt man das Rad herum, daß das Sail und der Fuß wohl angezogen werden, aber es müssen Leute bey dem Pferde seyn, daß es sich nicht wenden kann: hernach setzet ein starker Mann das Knie auf das erhabene und ausgewichene Ort, und thut einen starken Stoß, oder wie es sich am besten schicken wird daß das ausgewichene Glaich wieder an sein gehörig Ort gebracht werde79.

  • 80 Relativamente a quest’ultima fase, una procedura simile per la riduzione della lussazione della spa (...)

« Atterra il cavallo e disponilo sul dorso e fissalo bene al terreno con legacci; lega quindi una forte corda attorno al piede dolorante; assicura la parte superiore a qualcosa che è fissato a terra e non è lontano; lega la corda alla ruota di una vettura o di un carro, che deve essere pure fissato. Gira allora la ruota e metti in tensione la corda. Ci devono però essere degli uomini attorno al cavallo in modo che questo non possa girarsi. Poi un uomo forte mette un ginocchio sul punto della lussazione e vi impartisce una forte spinta, come meglio può fare, in modo che l’arto sia fatto rientrare a forza al suo posto80 ».

  • 81 Saunier, 1734, p. 95 e 99-100, cit. supra alla n. 28.

31Queste testimonianze moderne (ma soprattutto quest’ultima) confermano quindi la sopravvivenza fino quasi ai nostri giorni della pratica della riduzione della lussazione mediante l’uso di una ruota di un carro. Il metodo più logico è che la fune fosse fatta arrotolare intorno al mozzo della ruota, che, manovrata a mano (e quindi non a contatto con il terreno), fungeva in qualche modo da argano, proprio come nella descrizione di de Saunier, benché, a quanto sembra, in quel caso l’operazione non fosse direttamente finalizzata a rimettere a posto l’arto tramite la trazione81: di qui l’espressione ad rotam degli autori latini. Il testo greco del cap. 13 dell’Epitome (Hipp. Lugd. 28) e l’illustrazione che si rinviene in V fanno tuttavia pensare che, in alternativa, la corda potesse essere collegata al carro. In tal caso la ruota, sempre manovrata a mano (come ben mostra l’immagine di V), avrebbe dovuto imprimere la necessaria spinta al carro, che avrebbe posto la fune in tensione. Non so se questo secondo metodo (sicuramente più macchinoso e difficilmente applicabile in caso di terreni scivolosi) sia stato effettivamente impiegato o non sia piuttosto il risultato di un’imprecisa rielaborazione della propria fonte da parte dell’autore dell’Epitome.

6. Il valore dell’espressione ne uentum recipiat in Chiron 583

  • 82 E sempre sull’idea che l’animale dovesse essere in qualche modo difeso dal vento si basa anche la c (...)
  • 83 Come si è visto, l’operazione consisteva grosso modo nel praticare un foro nella pelle, in corrispo (...)
  • 84 Si quod iumentum armora ab itinere doluerit aut aridos et macros armos habuerit, sic curabis. Primo (...)

32Un ulteriore aspetto deve essere messo in evidenza del passo di Chiron 583: l’espressione medium uaste cinges, ne uentum recipiat nisi armum ducas. M.-T. Cam, come abbiamo visto, traduceva «tu l’attacheras et le sangleras par le milieu largement; qu’il ne reçoive pas le vent, si tu ne réduis pas l’épaule». È una traduzione letterale, ma non è ben chiaro se l’operazione di legatura avesse in qualche modo lo scopo di difendere l’animale dal vento. In ogni caso, che significato avrebbe in tale contesto nisi armum ducas (« se non metti a posto la spalla »)82 ? Le cose tuttavia anche in questo caso stanno diversamente. Qui uentus equivale ad ‘aria’ e l’espressione ne uentum recipiat si riferisce espressamente all’operazione di insufflazione che sarà descritta dall’autore subito dopo (§ 584): ...deinde quatuor digitis ab summis umeris sagitta praerumpebis cutem et specillo longo laxabis, qua spiritum recipiat. Fistulam coicies in foramine. Offabis, ne iaiuno facias. Videto, qua inflaueris armum uento, obturato plagam stuppam aut linteolo (« Incidi poi la pelle con la lancetta a quattro dita di distanza dalla sommità delle spalle e allarga con una sonda lunga il punto in cui dovrà essere immessa l’aria. Inserisci una cannula nel foro. Da’ da mangiare all’animale, in modo che non sia digiuno quando pratichi l’operazione. Fa’ attenzione: nel punto in cui avrai immesso aria nella spalla, tura il taglio con della stoppa o con una pezzuola »)83. Si notino in particolare due dati: 1) spiritum recipiat è un perfetto corrispondente di ne uentum recipiat del nostro passo; 2) il termine uentus si rinviene anch’esso nella descrizione dell’operazione: qua inflaueris armum uento. Si noti inoltre che la pratica dell’insufflazione era stata raccomandata poco sopra, al § 580, come prima cura da apportare sempre in caso di affezioni alla spalla84.

  • 85 Per un analogo valore della congiunzione ne si veda Chiron 328: opponito escam, ne satur fiat. Si e (...)
  • 86 ἐχεδερμία λέγεται ἐν τῷ ἵππῳ, ὅταν χρονίως τὸν ὦμον ἀλγῶν. θεραπεύεται δὲ οὕτως· δεῖ κατακλίναντα(...)

33L’espressione ne uentum recipiat del § 583 sembra dunque assai debolmente collegata ad allides eum et medium uaste cinges, che immediatamente precede: la congiunzione ne ha valore consecutivo, introducendo tuttavia un concetto non strettamente dipendente da quello della reggente, così come si rinviene altrove nella Mulomedicina Chironis85. Potremmo tradurre: « senza però procedere all’insufflazione, se non si è prima messa a posto la spalla ». Si consideri infine che Apsirto, Hipp. Ber. 26, 18, nel prescrivere l’insufflazione per un’affezione analoga a quella descritta in Chiron 580, dice espressamente che l’animale doveva essere precedentemente abbattuto86. Si comprende così meglio la precisazione ne uentum recipiat subito dopo allides eum in Chiron 583.

7. Il termine mac(h)ina

  • 87 Cam, 2009, p. 201: «La machine de Chiron et Végèce était, selon toute probabilité, construite sur l (...)
  • 88 Cfr. NGML s. v. macina e macino; Du Cange, 1883-1887, s. v. macina 1, riporta espressamente il nost (...)
  • 89 Erronea è pertanto la traduzione spagnola di Robles Gómez, 1999, p. 204, di Veg. mulom. 2, 46: « Si (...)

34Un ultimo punto merita di essere indagato prima di concludere: il valore del termine mac(h)ina. Come abbiamo visto, in Chiron 583 si prescrive di rimettere a posto la spalla lussata o mediante la rota o mediante la machina, e a proposito di quest’ultimo strumento si aggiunge subito dopo: si habes. Si è detto anche che la menzione della mac(h)ina compare ancora in Veg. mulom. 2, 46: ad tormentum rotae uel macinae locis suis eiecta restitues. M.-T. Cam aveva proposto per l’identificazione di tale machina un paranco per porre gli arti in trazione87. L’assimilazione dell’uso della mac(h)ina nella Mulomedicina Chironis e in Vegezio con quello della ruota del carro suggerisce tuttavia che si dovesse trattare di un congegno di più immediato reperimento, sebbene disponibile con minore facilità rispetto a una semplice rota. Di che congegno si trattasse lo suggerisce poi con buona evidenza la tradizione manoscritta stessa di Vegezio. Come è possibile ricavare dall’apparato critico, si può notare infatti che la tradizione tramanda in modo abbastanza uniforme la lezione macinae (macin(a)e Fζπ, matinae E, macene W), mentre la grafia machinae si rinviene nelle edizioni a stampa (ma non nell’editio princeps). Quello che a prima vista potrebbe sembrare un banale fatto grafico deve invece essere guardato con maggiore attenzione se si considera che solitamente nei testimoni dell’opera vegeziana il termine machina viene scritto con l’h, quando esso designa ad esempio il cosiddetto ‘travaglio’. A una più attenta analisi si riscontra inoltre come il sostantivo macina sia attestato nel latino tardo e medievale con il significato specializzato di ‘macina’, ‘mola’ (cfr. it. macina) e che, analogamente, nel latino medievale il verbo macino ha il valore di ‘macinare’88. Semplicemente una ‘macina’ doveva dunque essere lo strumento consigliato dalla Mulomedicina Chironis e da Vegezio in alternativa alla rota per la riduzione della lussazione della spalla. L’espressione si habes indica naturalmente che una macina era meno facile da rinvenire rispetto a un carro. Un’altra domanda deve essere posta: perché l’autore della Mulomedicina Chironis non dice che l’animale doveva essere legato quando si adoperava la macina? Io penso che semplicemente tutta la descrizione dell’operazione si concentri sull’uso della rota, perché di più facile reperibilità, e che quindi l’espressione si ad rotam duces, stringes eum medium ad columnam debba essere considerata come l’apertura della trattazione della procedura condotta con la rota, senza una vera e propria opposizione all’operazione da svolgersi con la macina, che non viene descritta affatto. Per quanto comunque si può immaginare, quest’ultima non doveva essere molto dissimile dall’altra: si utilizzava certamente la rotazione graduale (e assai probabilmente manuale) della macina per mettere in tensione una corda a cui era legato l’arto da rimettere a posto89.

8. Proposta di traduzione di Chiron 583

35Alla luce delle considerazioni che abbiamo finora esposto concludiamo fornendo una nuova traduzione del passo di partenza (Chiron 583):

36« Se il trauma è recente, atterra subito l’animale e metti a posto la spalla con la ruota o con la macina, se la possiedi. Se la metti a posto con la ruota, legalo tutt’intorno a una colonna. Se sei in campagna, pianta a terra un picchetto o un palo. Gettalo a terra e legalo ampiamente tutt’intorno, senza però procedere all’insufflazione, se non si è prima messa a posto la spalla. Lega in tal modo la zampa senza stringere con una cinghia sopra e sotto il ginocchio e sotto il nodello. Tira in modo uniforme, finché non sentirai lo schiocco dell’articolazione ».

Haut de page

Bibliographie

Adams, J. N., 1995, Pelagonius and Latin Veterinary Terminology in the Roman Empire, Leiden-New York - Köln.

Adams, J. N., 2007, The Regional Diversification of Latin 200 BC - AD 600, Cambridge.

Ahlquist, H., 1909, Studien zur spätlateinischen Mulomedicina Chironis, Uppsala.

Altamura, A., 19682, Dizionario dialettale napoletano, Napoli.

Aprile M., 2001, Giovanni Brancati traduttore di Vegezio. Edizione e spoglio lessicale del ms. Vat. Ross. 531, Galatina.

Battaglia, S., 1961-2002, Grande dizionario della lingua italiana, 1-21, Torino.

Biville, F., 1990, Les emprunts du latin au grec: approche phonétique, 1, Introduction et consonantisme, Louvain-Paris.

Björck, G., 1935, Le Parisinus grec 2244 et l’art vétérinaire grec, REG, 48, p. 505-524.

Brunori Cianti, L. e Cianti, L., 1993, La pratica della veterinaria nei codici medievali di mascalcia, Bologna.

Cam, M.-T., 2009, Manus ueterinarii. La réduction des luxations dans les traités vétérinaires antiques, in V. Ortoleva e M. R. Petringa (ed.), La veterinaria antica e medievale (testi greci, latini, arabi e romanzi), Atti del II Convegno internazionale (Catania 3-5 ottobre 2007), Lugano, p. 183-204.

Cowen, D. L., 1961, Deigendesch’s Nachrichters Rossartzneybuchlein, Journal of the American Veterinary Medical Association, 139, p. 359-366.

Cristante, L., 2005-2006, La praefatio glossematica di Anth. Lat. 19 R. = 6 Sh. B. Una ipotesi di lettura, Incontri triestini di Filologia classica, 5, p. 235-260.

D’Alessandro, G., 1711, Pietra paragone de’ cavalieri, Napoli.

Damico, A., 2005, Un’anonima traduzione latina del trattato di veterinaria di Ierocle nel cod. Vat. Reg. Lat. 1010, RCCM, 47, p. 321-359.

Deigendesch, J., 1716, Nachrichters nüzliches und aufrichtiges Pferd- oder Roßarzneibuch, Reutlingen.

Di Pietro, P., 1988, Dei cavalli: la pratica di Maestro Bonifacio dei morbi naturali e accidentali dei cavalli, Trascrizione dal manoscritto originale, Firenze.

Doyen-Higuet, A.-M., 2006, L’Épitomé de la Collection d’hippiatrie grecque, Histoire du texte, édition critique, traduction et notes, Louvain-la-Neuve.

Du Cange, Ch., 1883-1887, Glossarium mediae et infimae Latinitatis, editio nova aucta .... a L. Favre, Niort.

Faraglia, N. F., 1888, Codice diplomatico sulmonese, Lanciano.

Fischer, K.-D., 1980, Pelagonius, Ars ueterinaria, Leipzig.

Fischer, K.-D., 1999, „A horse! a horse! my kingdom for a horse!”. Versions of Greek horse medicine in medieval Italy, MHJ, 34, p. 123-138.

Fleury, Ph., 1993, La mécanique de Vitruve, Caen.

Gitton-Ripoll, V., 2007, Sur quelques noms d’instruments de chirurgie et de contention conservés par les textes vétérinaires latins, in M.-T. Cam (ed.), La médecine vétérinaire antique, Colloque international (Brest 9-11 septembre 2004), Rennes, p. 251-269.

Grevander, S., 1926, Untersuchungen zur Sprache der Mulomedicina Chironis, Lund.

Hoffmann, L., 1908, Atlas der tierärztlichen Operationslehre, 1-5, Stuttgart.

Hoppe, K., 1928, Nachträgliches zu V.H.M. 1927, Nr. 6, Veterinärhistorische Mitteilungen, 8, p. 7-12.

Hoppe, K., 1929, Kritische und exegetische Nachlese zu Ihms Pelagonius I., Veterinärhistorisches Jahrbuch, 5, p. 1-32.

Ihm, M., 1892, Pelagonii artis veterinariae quae extant, Lipsiae.

Impellizzeri, S., 1964, Bartolomeo da Messina, DBI, 6, p. 729-730.

Köves-Zulauf, Th., 1990, Römische Geburtsriten, München.

Lazaris, S., 2010, Art et science vétérinaire à Byzance : formes et fonctions de l’image hippiatrique, Turnhout.

Lommatzsch, E., 1903, P. Vegeti Renati Digestorum artis mulomedicinae libri, Lipsiae.

Marcenac, L.-N., 1974, Chirurgie générale vétérinaire, Paris.

Mazzini, I., 1999, A. Cornelio Celso, La chirurgia (Libri VII e VIII del De medicina), Macerata.

McCabe, A., 2007, A Byzantine Encyclopaedia of Horse Medicine: The Sources, Compilation, and Transmission of the Hippiatrica, Oxford.

Oder, E., 1901, Claudii Hermeri Mulomedicina Chironis, Lipsiae.

Oder, E., 1926, Apsyrtus. Lebensbild des bedeutendsten altgriechischen Veterinärs, Veterinärhistorisches Jahrbuch, 2, p. 121-136.

Oder, E. e Hoppe, K., 1924-1927, Corpus hippiatricorum Graecorum, 1-2, Lipsiae.

Ortoleva, V., 1996, La tradizione manoscritta della «Mulomedicina» di Publio Vegezio Renato, Acireale.

Piccitto, G., Tropea, G. e Trovato, S. C., 1977-2002, Vocabolario siciliano, 1-5, Catania-Palermo.

Prinz, O., 1971, Wechselbeziehungen zwischen den Präfixen a(b) und ad im Mittellatein, Philologus 115, p. 240-244.

Riberi A. M., 1929, S. Dalmazzo di Pedona e la sua abazia (Borgo San Dalmazzo), con documenti inediti, Torino.

Rieck, W., 1932, Das Veterinär-Instrumentarium im Wandel der Zeiten und seine Förderung durch die Instrumentenfabrik H. Hauptner, Berlin.

Riesco Alvarez, H.-B., 1994, Sagmina, verbenae y herbae purae, Helmantica, 45, p. 153-163.

Robles Gómez, J. M., 1999, Vegecio, Medicina veterinaria, Madrid.

Ruini, C. , 1598, Dell’anotomia [sic] et dell’infirmità del cavallo, Bologna.

Sandor, B. I., 2012, The genesis and performance characteristics of Roman chariots, JRA, 25, p. 475-485.

Sarchiani, G., 1826, Pelagonii Veterinaria, ex Richardiano codice excripta et a mendis purgata, Florentiae.

Saunier (de), G., 1734, La parfaite connoissance des chevaux, continuée et donnée au public par son fils, La Haye.

Schneider, Io. G., 1797, Commentarii ad Vegetii Renati Mulomedicinae libros sex, in Scriptorum rei rusticae veterum Latinorum tomus quartus, 4,2, Lipsiae.

Sephocle L., Gitton-Ripoll, V. e Vallat, F., 2012, Extension et insufflation : les soins de l’épaule du cheval chez les hippiatres antiques, Bulletin de la SFHMSV, 12, p. 177-206.

Sestili, A., 2013, Morbidus equus 2. Le cure del cavallo malato nella letteratura latina, Roma.

Sestili, A., 2014, Apsirto, Trattato di veterinaria. Frammenti estratti dal Corpus Hippiatricorum Graecorum, Roma.

Sponer, G., 1966, Die Pferdeheilkunde des Ipocras Indicus, Inaugural-Dissertation, Hannover.

Vigilante, M., 1985, D’Alessandro Giuseppe, DBI, 31, p. 737-738.

Wagner, M. L., 1960-1964, Dizionario etimologico sardo, 1-3, Heidelberg.

Werk, A., 1920, Beiträge zur Geschichte der Tierheilkunde, Berliner Tierärztliche Wochenschrift, 36, p. 233-235.

Wohlmuth, W., 1978, Teile von Buch VI und Buch VII der Mulomedicina Chironis, München Univ., Fachbereich Tiermed., Diss.

Haut de page

Notes

2 Cam, 2007, p. 199-204.

3 Si riporta il testo di Fischer, 1980, ad loc. Il passo si rinviene solo nel cod. Firenze, Biblioteca Riccardiana, 1179 (R), copiato nel 1485.

4 Ihm così ritorna su questo luogo nel commentario (Ihm, 1892, p. 145): « aut ut supra feci, unci ponendi sunt aut cogitari possunt talia: et si fuerit percussus aut eiecerit ex more ad rotam armum reponito ».

5 Hoppe, 1928, p. 10; cfr. anche Hoppe, 1929, p. 17.

6 Questo passo di Pelagonio si rinviene così rielaborato in Veg. mulom. 2, 45, 7: quodsi eiecerit, iuxta consuetudinem ad rotam armum reponito et suprascriptis medicamentis curato.

7 La forma iosum equivale a deorsum: cfr. ThLL, s. v. deorsum, col. 559, 27-31.

8 M = München, Staatsbibliothek, clm 243, XV sec.; B = Basel, Universitätsbibliothek, D III 34, XV sec. Subito dopo segue la descrizione della cosiddetta operazione di insufflazione, su cui ci soffermeremo in particolare al § 6 di questo studio.

9 Il testo è stato da me costituito. Per le sigle dei mss. non utilizzati da Lommatzsch, 1903, cfr. Ortoleva, 1996, p. 7-13 (con l’avvertenza che il manoscritto indicato con Ve in quella sede è qui citato con la sigla E). Le lettere greche indicano: γ: consenso di PU; ε: consenso di EF; ζ: consenso di AB; π: editio princeps (Basileae, 1528).

10 Cam, 2009, p. 198-199.

11 Cam, 2009, p. 200, da Marcenac, 1974, p. 154, fig. 172.

12 Su elido e sul suo sviluppo semantico cfr. Adams, 1995, p. 605. Il verbo elido ricorre più volte nella Mulomedicina Chironis (ad es. 23, 24, 73, 80, 100, 631), una volta in Pelagon. 256, 3 (secondo il testo tràdito da E) e un’altra in Veg. mulom. 1, 26, 3. Per quanto invece riguarda allido, esso si rinviene in questo senso, ma sotto la grafia adli- in Chiron 22 (e nella sua ripresa in Veg. mulom. 1, 26, 2) e in Veg. mulom. 1, 39, 3. Resta in questi casi il dubbio che la grafia corretta, sia nella Mulomedicina Chironis che in Vegezio, sia abli-, sebbene la forma ablido non risulti attestata. Gli scambi fra i prefissi ad- e ab- sono infatti molto frequenti nei manoscritti medievali e lo erano con ogni probabilità anche nell’epoca in cui scrivevano l’autore della Mulomedicina Chironis e Vegezio; sull’argomento si veda Prinz, 1971. In ogni caso il ThLL non distingue correttamente i due composti e riporta attestazioni che con tutta probabilità devono essere ricondotte a un originario abli- (quale che fosse la grafia utilizzata dagli autori) sotto l’indicazione « supple solo, ut sit fere i. q. frangere, comminuere »: Comm. instr. 1, 38, 4: legem, quam Moyses allisit iratus; Alc. Avit. hom. 29 p. 150, 28: erexisti lacrimarum machinis quod hostis adliserat; Iord. Get. 42, 222: uicina loca saeuientes allidunt demoliuntque paene totam Italiam.

13 Riproduco il testo di M (Paris, Bibliothèque Nationale, gr. 2322, X sec.) e ringrazio molto in questa sede Anne-Marie Doyen-Higuet per avermi fornito una trascrizione del passo in questione. In Oder-Hoppe, 1, 1924, p. 129, è, come di consueto, pubblicato il testo di B (Berlin, Staatsbibliothek, Phillipps 1538, X sec.) e le divergenze con M sono riportate in apparato.

14 Il testo di B è ancora più problematico: Ἐὰν ἵππου ὦμος ἐκβληθῇ τινος τῶν ὑποζυγίων, ῥῖψον αὐτὸν ἐπὶ τὸ ἔδαφος, ἵνα ἐκβεβλημένος ὦμος ἐπάνω , καὶ δήσας τὸν πόδα, καὶ πρὸς δένδρον ἀποτείνας...

15 Werk, 1920, p. 234-235.

16 Secondo Werk il termine fr. deriverebbe dal fatto che la strada appare smossa durante il cattivo tempo! In realtà il fr. route va ricondotto al lat. rupta (cfr. FEW, 10, s. v. rŭmpĕre, p. 569-572). Allo stesso modo in campo era accostato al fr. camp e quindi al ted. lager: su tali basi il sostantivo assumerebbe qui, sempre secondo Werk, il significato di ‘pagliericcio’ (!), su cui l’animale sarebbe dovuto essere adagiato. Werk inoltre interpretava erroneamente in tal senso anche rota di Chiron 49 (dove emendava pure il tràdito insecuta in insecatum [= elisum!]).

17 Del resto Werk nel riportare il testo di Chiron 583 scrive (due volte) allides e non alliges dell’ed. di Oder.

18 In effetti il sardo ròda, arròda non indica propriamente l’aia ma « designa [...] una certa quantità di covoni riunita in forma di ruota sull’aia » (Wagner, 2, 1962, p. 363, con riferimenti ad altre attestazioni romanze).

19 Grevander, 1926, p. 138.

20 Grevander, 1926, p. 138, n. 3: « An beiden Stellen ist allides für Oders alliges überliefert. Dies bedeutet in diesem Zusammenhang aber nichts ».

21 Hoppe, 1928, p. 9-10. Lo studio non compare neppure nella bibliografia dell’ed. di Fischer, 1980.

22 E il testo così stabilito da Hoppe è – come si è visto – accolto anche da Fischer, 1980.

23 Cfr. anche Ihm, 1892, p. 145.

24 Ahlquist, 1909, p. 8-9: « In mit dem Ablativ statt eines erwarteten Akkusativs ».

25 Hoppe, 1928, p. 10: « Also war die rota eine Drehvorrichtung ». Il concetto viene ribadito in Hoppe 1929, p. 17: « Unter rota ist eine Drehvorrichtung zu verstehen, mit der das Glied gestreckt wird ».

26 Rieck, 1932, p. 10-11.

27 Hoffmann, 1908, 1, p. 38, fig. 1. Rieck non fornisce alcuna indicazione riguardo al n. di pag. Il riferimento si rinviene invece in Gitton-Ripoll, 2007, p. 266, n. 99, che descrive l’illustrazione di Hoffmann, ma manca di identificare de Saunier, ritenendo erroneamente che si trattasse di qualcuno che aveva cercato di ricostruire la rota degli antichi.

28 Saunier, 1734, p. 99-100 (« Remède pour un véritable écart, ce qu’on s’appelle entr’ouvert »): «...après, il le faut jetter à bas, et mettre deux Piquets en terre ; l’un au deffaut de l’Épaule, l’autre entre les Cuisses et le Ventre, pour qu’il ne puisse pas remuër de sa place ; ayant une longue Corde à laquelle il y aura une Entrave pour lui attacher le Pied par la jointure d’entre le Boulet et le Sabot ; et l’autre bout à une Rouë de quelque Voiture, qui sera placée comme il a été marqué dans l’Article des Chevaux dégarotez, afin de lui tenir la Jambe et l’Épaule en droite ligne. Ensuite vous lui fendrez la Peau, entre le Corps et l’Épaule, comme il est aussi marqué au même Article, pour y faire entrer un Fer par trois endroits...». E a p. 95 (« Pour les chevaux dégarottez »): « Il s’agit donc de jetter le Cheval à bas, étant bien attaché et couché par terre, il faut prendre un long Piquet, qui est une espéce de bois environ gros comme la Jambe, haut de quatre ou cinq Pieds, pointu par le bout, pour l’enfoncer en terre à coups de Maillet ; et que ce Piquet soit justement entre l’Épaule et le Corps, pour que le Cheval ne puisse point remüer, lorsqu’on lui fera l’Operation suivante. Il faut attacher le Pied du Cheval, avec une Corde, avoir une Rouë de Charette, ou d’autre Voiture, mettre un Piquet à cinq, ou six pas du Cheval, dans lequel vous ferez entrer la rouë, de maniére qu’elle puisse tourner autour du Piquet ; alors vous attacherez à la Rouë cette Corde qui tient au Pied du Cheval. Ensuite vous ferez tourner la Rouë pour que la Jambe se tienne droite et bien étenduë ; vous ferez une incision entre le Corps et l’Épaule, jusqu’en haut, pour attraper la Matiére qui est entre le Corps et le Paleron...».

29 Anche nella traduzione tedesca di Chiron 583 di Wohlmuth, 1978, p. 32-33, si interpreta assai chiaramente nel senso di una semplice ruota di carro: « Heile so: Ist es frisch passiert, binde sogleich das Zugtier an und strecke den Vorderbug mit einem Wagenrad oder falls vorhanden mit einer „Machina“. Streckst du mit dem Wagenrad, so binde das Zugtier in der Mitte des Körpers fest an eine Säule ». V. Gitton-Ripoll, 2007, p. 266, sulla base di Marcenac, 1974, p. 153, fig. 169, avanza inoltre la possibilità che si trattasse di una ruota di carro (così in Marcenac, 1974, p. 152, ma V. Gitton-Ripoll dice « charrue ») a cui legare l’animale per immobilizzarlo, come avveniva anche in epoca moderna per curare i buoi. Sempre V. Gitton-Ripoll (2007, p. 266, n. 99) riporta l’opinione comunicatale dal medico veterinario J. Lavaud che la rota in sostanza fosse una « vêleuse primitive », utilizzata per ridurre la lussazione (il fr. vêleuse equivale ordinariamente all’italiano ‘estrattore’, strumento utilizzato per facilitare il parto delle vacche).

30 Cam, 2009, p. 202. La studiosa riprende l’illustrazione da Fleury, 1993, p. 116, fig. 7.

31 Sephocle, Gitton-Ripoll e Vallat, 2012, p. 184-185. Ringrazio sentitamente François Vallat per avermi fatto conoscere questo studio proprio nei giorni del Convegno.

32 A una qualche macchina particolare aveva pensato pure Schneider, 1797, p. 59, a proposito di Veg. mulom. 2, 46, facendo riferimento a Cels. 8, 20, 6: «Malim sub rotulam mitte, ut infra cap. 48 sect. 2. Tormentum rotae peperit torculare [cioè la lez. di γ] h. 1. ineptum. Rotam in tormento Graecorum, seu τροχόν nouimus, sed alienam ab hoc usu ueterinario. Forte intelligitur machina, quam Celsus habet de femore luxato 8 c. 20. Etiamnum ualentius intenditur membrum super scamnum, cui ab utraque parte axes sunt, ad quos habenae illae deligantur, qui ut in torcularibus conuersi rumpere quoque si quis perseuerauerit non solum extendere neruos et musculos possunt. Etiam Palladius I. 20. in instrumento torculariae cellae rotulas nominat ». A proposito della lezione torcular di γ, è da notare come Giovanni Brancati (seconda metà del XV sec.), che leggeva un testo che faceva capo a questo subarchetipo, traduca « ponilo a la tortura » (Aprile, 2001, p. 172). Aprile, 2001, p. 514, interpreta tortura come « torchio, luogo dove si torce ».

33 A proposito dell’apparecchio gli autori (Sephocle, Gitton-Ripoll e Vallat, 2012, p. 185) non mancano di sottolineare l’assoluta mancanza di sue continuazioni moderne: « la rota a été totalement oubliée des maréchaux et ensuite des vétérinaires. Il ne reste que les respectables vêleuses artisanales pour rappeler l’existence de cet instrument » (per la rassomiglianza tra rota e vêleuse [‘estrattore’ in italiano], già in precedenza enunciata, si veda supra, n. 29). Nello studio citato è anche riprodotta una traduzione francese di Chiron 583 a cura di V. Gitton-Ripoll (p. 205). La studiosa tuttavia, a proposito del posizionamento dell’animale rispetto alla rota, accoglie il testo di Oder (alliges) e così traduce: « si l’atteinte est récente, tu lui banderas aussitôt le membre et tu lui étireras l’épaule sur la rota ou dans un travail, si tu en disposes. Si c’est sur la rota que tu fais l’étirement, tu serreras le membre sur le milieu de la colonne. Si c’est en pleine campagne, une fois planté en terre un estrope ou un pieu, tu serreras le membre et tu le lieras sur une grande partie de sa longueur pour que le cheval ne le retire pas tandis que tu lui tires sur l’épaule...» (per ulteriori considerazioni su questa traduzione si veda infra, n. 82 e n. 89).

34 Riproduco il testo sulla base del cod. V (Leiden, Universiteitsbibliotheek, Voss. Gr. Q. 50, XIV sec.) evitando di segnalare i meri fatti grafici. Esso si rinviene pubblicato, sempre sulla base di V, anche in Oder e Hoppe, 2, 1927, p. 280. L’Epitome sarà oggetto di una nuova edizione da parte di Anne-Marie Doyen-Higuet, che ha finora pubblicato il primo volume contenente l’introduzione (Doyen-Higuet, 2006). La porzione di testo in esame è tràdita, con notevoli varianti, anche dai codd. Q (Paris. Gr. 1995, XIV sec., cap. 14), Z (Paris. Gr. 2244, XIV sec., cap. 14), S (Vat. Palat. Gr. 365, XV sec., cap. 25) e I (Vat. Gr. 114, XV sec., cap. 58). Ringrazio sentitamente Anne-Marie Doyen-Higuet per avermi inviato in anteprima le pagine corrispondenti della sua edizione.

35 Come notano Oder e Hoppe, equivale a παραπρόωσον (cfr. infra per la discussione). Anche QZ I hanno παράπροσον. La forma contratta πρώσας del part. aor. si rinviene in Hipp. nat. mul. 3; AP 12, 206 (Stratone); Ps. Lucian. asin. 9, mentre Hesych. π 3951 riporta proprio l’imp. aor. πρῶσον, spiegato con ὤθησον (cfr. LSJ, s. v. προωθέω). Ancora più significativo è il fatto che l’imp. aor. di un doppio composto di ὠθέω si rinvenga ancora una volta in forma contratta in Ps. Lucian. asin. 10: ἐπίπρωσον καὶ βάθυνον (ringrazio Paolo Cipolla per aver discusso con me di queste attestazioni).

36 Con R si indica il cod. Paris, Bibliothèque Nationale, gr. 2244, XIV sec.

37 Su Bartolomeo da Messina in generale, che fu soprattutto traduttore di Aristotele, si veda Impellizzeri, 1964. Sulla reale consistenza della sua opera di veterinaria e sui suoi rapporti con l’anonima traduzione latina di Ierocle tramandata dal cod. Città del Vaticano, Biblioteca Apostolica Vaticana, Reg. Lat. 1010 (XIV sec.) si veda Damico, 2005, p. 347-353. Ulteriori notizie sulla cosiddetta traduzione di Ierocle di Bartolomeo possono essere rinvenute in Fischer, 1999, 131-135, in Damico, 2005, p. 321-325 e in McCabe, 2007, p. 239-244, sebbene le informazioni fornite in quest’ultimo studio non siano sempre attendibili (a p. 239, n. 167, si fa erroneamente figurare, ad es., il cod. Vat. Reg. lat. 1010, tra i testimoni di Bartolomeo).

38 M = Madrid, Biblioteca Nacional, 593, XIV sec., f. 32; P = Pisa, Biblioteca Cateriniana, 146-56, XIV sec., f. 50.

39 Cfr. supra, n. 34.

40 Si veda in particolare Cels. 8, 20, 5, a proposito della lussazione del femore: <si> ualidius, melius adducent, qui easdem <habenas> ad <b>acula ualida deligarint; cumque eorum fustium imas partes oppositae morae obiecerint, superiores ad se utraque manu traxerint (« se invece resiste più fortemente, riusciranno meglio a stendere l’arto coloro che abbiano legato le stesse cinghie a dei bastoni robusti e, dopo averne bloccato le estremità inferiori contro un fermo, ne abbiano tirato a sé con entrambe le mani le estremità superiori », trad. Mazzini, 1999, p. 297). Non si può inoltre escludere che il traduttore leggesse un testo corrotto nel suo esemplare, oppure che abbia preferito scegliere una lezione alternativa in esso presente. In conformità con tale testo latino (ma con qualche variante) si muove pure, com’è lecito aspettarsi, la traduzione siciliana dell’opera di Bartolomeo da Messina tràdita dal cod. London, British Library, Harley 3535 (f. 23) del XV-XVI sec.: Di trayri la scapula capitulo .xx. Si per avintura la scapula supraveni a lu cavallu abisogna di canuxirila in tali maynera: atray li pedi lu cavallu et non andari may li ungni soy mecti in terra; poy ki kistu li intraveni curalu in kista maynera: liga lu cavallu e gectalu in terra da killa parti undi àvy lu mali e li pedi liga ad alcunu palu nè pre vintura stricassi spissamenti lu pedi so prevenissi a la scapula a lu locu so propriu; quandu vidiray ki la scapula sua sirrà riturnata a lu locu so propriu livalu di terra et fa la ligatura si comu est dictu a li cavalli ki ànnu li gambi ructi si divinu appendiri. Ringrazio vivamente Aldo Fichera per la trascrizione di questo passo.

41 Sponer, 1966, p. 40 (§ 174). Il testo edito da Sponer si basa sulla sola trascrizione del cod. di Londra. La porzione di testo qui pubblicata è il frutto della collazione dell’ed. di Sponer con Y (f. 52v). Su questa traduzione si vedano Fischer, 1999, p. 135 e Doyen-Higuet, 2006, p. 114 e n. 292 (con ulteriore bibliografia).

42 La lezione equus fa pensare che il traduttore leggesse ἵππος come in QZ piuttosto che πούς di SV (in I il termine è omesso e il testo suona in modo leggermente diverso).

43 Su questo corpus in tre libri tràdito da RV cfr. soprattutto Doyen-Higuet, 2006, p. 96-98. L’idea tuttavia – risalente a Björck, 1935, 509-510, e poi quasi unanimemente accettata – che i due libri del testo di Ierocle che si rinvengono in RV siano il frutto di un assemblaggio tardivo sulla base di una precedente raccolta di excerpta vicina in qualche modo agli Hippiatrica Berolinensia dovrebbe a mio avviso essere attentamente riconsiderata.

44 Su tale problema cfr. Fischer, 1999, p. 135-138 (spec. p. 137) e Damico, 2005, p. 334-345.

45 Cfr. la particolareggiata descrizione di questi mss. in Brunori Cianti e Cianti, 1993, p. 285-297 (ms. di New York, su cui si veda anche la scheda dattiloscritta nel sito della Biblioteca: http://corsair.morganlibrary.org/msdescr/BBM0735a.pdf); 298-309 (ms. di Londra); 310-317 (ms. di Modena); 318-325 (ms. di Bologna). Il cod. di Modena è stato integralmente riprodotto e trascritto in Di Pietro, 1988.

46 Il termine sembra essere l’esito di un fraintendimento del greco κεκλασμένοις.

47 Come altrove nel cod. di Modena l’immagine è solo accennata in punta d’argento e non è stata successivamente elaborata.

48 Lazaris, 2010, p. 168-169. Sull’origine, le caratteristiche e le funzioni delle immagini in RV si veda ancora Lazaris, 2010, p. 65-132.

49 Lazaris, 2010, p. 168, dice: « un instrument d’extension à usage médical ».

50 Sulle bighe di età romana (e sul modello del British Museum in particolare) cfr. Sandor, 2012. Ringrazio inoltre sentitamente l’Autore per aver discusso con me di questo problema.

51 Che non si possa trattare di una puleggia, come dice Lazaris, è evidente per il fatto stesso che a tale ruota non è collegata alcuna corda.

52 Anche QZ S I hanno αὐτόν (ringrazio ancora una volta Anne-Marie Doyen-Higuet per avermi fornito il testo della sua edizione in anteprima).

53 Cfr. supra, n. 35.

54 Cfr. LSJ, s. v.

55 Cfr. LSJ, s. v.

56 Il verbo ἐκτινάσσω ha qui più propriamente il valore di ‘gettare fuori’; cfr. DGE s. v. A.I.

57 Oder 1901, 435 (nell’indice).

58 E su questa scia traduce – come si è visto – V. Gitton-Ripoll (Sephocle, Gitton-Ripoll e Vallat, 2012, p. 205): « un estrope ».

59 Hoppe, 1928, p. 9.

60 La medesima obiezione si rinviene in Cam, 2009, p. 203. Hoppe pensava in alternativa che si potesse correggere in at (= ad) il tràdito aut, in modo da avere un legaccio da fissare a un palo, ma egli stesso si rendeva conto che il verbo fige era inappropriato, quando più propriamente ci si sarebbe aspettati stringe o allige. A solo titolo di curiosità si riporta infine qui l’inverosimile interpretazione di Werk, 1920, p. 234, che corregge a sua volta aut in autem: « Durch kräftigen und gleichmäßig anhaltenden Zug führte man den unter der Einwirkung der Schulterblatt-Oberarmmuskeln an der Pfanne vorbei und aufwärts verlagerten Gelenkkopf wieder in Höhe der Pfanne herab, um ihn dann durch seitlichen Stoß zu reponieren: „strophum fige autem palum“ ».

61 L’uso di un piccolo argano (organulum) prescrive l’autore della Mulomedicina Chironis (Chiron 643) per distendere l’arto su cui praticare l’operazione per la cura dell’ossilago: expones iumentum, ut res ipsa in inferiore sit, ipsum pede in organolo mittis, sed tendes, ut immobilis sit. Ita aperies eam cutem contra ossilaginem. Come si può vedere, non si tratta di un congegno con cui esercitare una forza paragonabile a quella necessaria per la riduzione della lussazione.

62 Cam, 2009, p. 203. M.-T. Cam rinviava anche al gr. στροφεῖον, ‘argano’, e proponeva dubitativamente la correzione strophium. Su machina cfr. infra.

63 Sulla derivazione di strophus e stroppus/struppus da στρόφος (‘corda’, ‘benda’, ‘fascia’) cfr. Biville 1990, p. 176-178 (con in particolare la discussione sul passaggio da φ a pp, che potrebbe spiegarsi a causa della sillaba tonica che precede).

64 Per un’analitica disamina delle attestazioni cfr. ancora Biville, 1990, p. 176-177. Fest. p. 410, 6-12 Lindsay testimonia pure il significato, molto simile, di ‘corona’ (fatta di vegetali): stroppus est, ut Ateius Philologus existimat, quod Graece στρόφιον [‘fascia’, ‘benda sacerdotale’] uocatur, et quod sacerdotes pro insigni habent in capite. Quidam coronam esse dicunt, aut quod pro corona insigne in caput inponatur, quale sit strophium (sul passo cfr. anche Adams, 2007, p. 177). Cfr. anche Paul. Fest. p. 56, 12 Lindsay: Capita deorum appellabantur fasciculi facti ex uerbenis. Per l’impiego del termine associato ai lectisternia cfr. ancora Fest. p. 410, 15-17 Lindsay (subito dopo il passo ora citato): et a Tusculanis, quod in puluinari inponatur Castoris, struppum uocari. Sulle attestazioni di struppus in Festo a proposito dei lectisternia si veda in particolare la dettagliata discussione in Köves-Zulauf, 1990, p. 122-123. Sull’uso dei fasci di verbene cfr. Riesco Alvarez, 1994, p. 157.

65 Si tratta dell’unico testo in prosa dell’Anth. Lat. (intitolato Praefatio), redatto in una lingua volutamente oscura, basata soprattutto su un lessico attestato quasi esclusivamente nei glossografi (per un’edizione e un commento di questo testo cfr. da ultimo Cristante, 2005-2006, di cui si è ripresa la trad. it. del passo).

66 Il passo è tratto dall’omelia per la dedicazione della chiesa di San Dalmazzo di Pedona (V sec.?), attribuita a Valeriano di Cimella. Il passo in questione è edito in Riberi, 1929, 326 (= PL suppl. 3, col. 184).

67 Cfr. Du Cange, 1883-1887, s. v.: « septum, Gallis Clôture». In it. è attestato anche il verbo stroppare, ‘turare’, ‘sbarrare’, ‘turare’; cfr. Battaglia, 20, 2000, s. v. 1.

68 Cfr. Battaglia, 20, 2000, s. v. 2.

69 Si veda ad es. il napol. streppone/stroppone, ‘sterpo, raspo, gambo, torsolo’ (cfr. Altamura, 19682, p. 240-241, s. v. stréppa).

70 Una rassegna completa dei significati in Piccitto e Tropea e Trovato, 5, 2002, s. v. Per altri esiti romanzi si veda anche REW, nr. 8321, s. v. strŏppus.

71 Wagner, 2, 1962, p. 437, s. v., non a caso afferma: « Ricorda il cal. sett. streppíne; salent. struppína ‘terreno incolto con macchia’ [...]. Ma foneticamente le voci sarde non si possono riallacciare alle ital. mer., se non si vuole ammettere un imprestito e una deformazione popolare, il che è poco probabile ». Biville, 1990, p. 177, n. 83, mette opportunamente in evidenza che le forme astur. estrovo e gal./cast. estrobo (‘fune’) possono essere spiegate solo dalla forma strophus o tramite una derivazione diretta dal greco.

72 Si veda tuttavia anche quanto raccomandava a proposito dei picchetti Saunier, 1734, p. 95 e 99-100, cit. supra alla n. 28. In Wohlmuth, 1978, p. 33, si rende abbastanza bene con ‘Pfosten’, ma, come al solito, non si danno ragguagli sui motivi di questa traduzione: « Im freien Feld aber schlage einen Pfosten oder Pfahl in die Erde ».

73 M.-T. Cam (2009, p. 199) intendeva invece che in Ippocrate l’albero, attorno a cui sarebbe solo passata la corda legata all’arto, dovesse servire a metterla in tensione a poco a poco. Tuttavia nel testo greco si dice appunto προσδήσας.

74 Ruini, 1598, 1, p. 289.

75 Sull’interessante figura di questo tipico esponente della nobiltà dell’Italia meridionale del XVII sec. cfr. Vigilante, 1985.

76 D’Alessandro, 1711, p. 372.

77 Cfr. Cowen, 1961, p. 360-361.

78 Deigendesch, 1716, p. 111.

79 Ringrazio sentitamente Concetta Sipione per l’aiuto nella trascrizione e nella traduzione.

80 Relativamente a quest’ultima fase, una procedura simile per la riduzione della lussazione della spalla è descritta nel trattato in volgare di Dino Dini (XIV sec.), 2, 25: « Se fossi in luogho che non havessi tanta habondanza d’acqua da farlo notare, lieva alto il piè della spalla dal lato onde à ricevuto la perchossa e fallo tenere alto e forte. E tu chon ambedue i piedi sali in su la gamba agravandoti forte per più volte anzi che restia, per lo quale agravamento suole lo schoncio tornare in suo locho » (si cita dall’ed. a cura di S. Boano, M. T. Bertoldi e A. Vitale-Brovarone reperibile all’indirizzo www.pluteus.it).

81 Saunier, 1734, p. 95 e 99-100, cit. supra alla n. 28.

82 E sempre sull’idea che l’animale dovesse essere in qualche modo difeso dal vento si basa anche la congettura ueste per uaste della tradizione di Franz Bücheler, riportata in apparato da Oder, 1901. La traduzione tedesca di Wohlmuth, 1978, p. 33, sembrerebbe invece tener conto della lezione euentum (ebentum hanno i codd.), dal momento che a tutta l’espressione è attribuito il senso di ‘fuggire’, ma, a parte la difficoltà di interpretare in tal modo (come sarebbe potuto fuggire l’animale legato da un lato al palo o alla colonna e dall’altro alla ruota?), non si spiega perché il nisi che segue subito dopo sia stato tradotto con ‘wenn’: « und binde daran das Zugtier in der Mitte fest, so daß es nicht weglaufen kann, wenn du es am Vorderbug ziehst ». È da notare che euentum legge anche Werk, 1920, p. 234, che però non si sofferma sul problema. V. Gitton-Ripoll (Sephocle, Gitton-Ripoll e Vallat, 2012, p. 205) stampa invece nel testo iumentum e – come si è visto – traduce: « pour que le cheval ne le retire pas tandis que tu lui tires sur l’épaule». A parte ogni altro possibile problema interpretativo, la congettura appare tuttavia difficilmente spiegabile paleograficamente a partire da ebentum dei codici.

83 Come si è visto, l’operazione consisteva grosso modo nel praticare un foro nella pelle, in corrispondenza del punto della lesione, attraverso il quale si introduceva una cannula e si soffiava dell’aria (su questa pratica, di assai dubbia utilità, si veda la particolareggiata trattazione in Sephocle, Gitton-Ripoll e Vallat, 2012, p. 187-189).

84 Si quod iumentum armora ab itinere doluerit aut aridos et macros armos habuerit, sic curabis. Primo uento armos inflabis...

85 Per un analogo valore della congiunzione ne si veda Chiron 328: opponito escam, ne satur fiat. Si esuriet, non tam uehementer uexabit; 564: inde a geminis uenis inferius infra digitis IIII mittito, ne de gulam [des illam BM] mittas et bifurcium tangas et iumentum occidas.

86 ἐχεδερμία λέγεται ἐν τῷ ἵππῳ, ὅταν χρονίως τὸν ὦμον ἀλγῶν. θεραπεύεται δὲ οὕτως· δεῖ κατακλίναντα αὐτὸν κροτῆσαι τὸν ὦμον νάρθηκι ῥάβδῳ ῥάκει ἐρίου περιεστρεμμένῳ πρὸς ἀπόστασιν τῆς βύρσης, εἶθ᾿ οὕτως τρυπᾶν παρὰ βύρσαν τῷ σχαστηρίῳ παρὰ τὴν ἔκφυσιν τοῦ ὤμου εἰς τὸν κόκκυγα μέσον, καὶ τότε διωθεῖσθαι τὴν σμίλην καὶ ὑποδέρειν αὐτήν, εἶτα ἐντιθέναι αὐλίσκον καὶ ἐμφυσᾶν εὐρώστως, καὶ κατάγειν ταῖς χερσὶ τὸ ἐμφύσημα κύκλῳ τοῦ ὤμου μέχρι τῆς νύμφης (« Si parla di magrezza eccessiva nel cavallo, quando ha continuamente male alla spalla; e la cura è questa: dopo averlo fatto coricare, bisogna percuotere la spalla con una verga o con un bastone circondato da un cencio di lana, per provocare un’infiammazione suppurativa della pelle; poi forare senz’altro la pelle con il bisturi alla sporgenza della spalla vicino all’osso della scapola e, a questo punto, affondare il bisturi e sollevare la pelle; quindi inserire un catetere, soffiarvi dentro con forza, far scendere con le mani il rigonfiamento circolare della spalla fino alla ninfa», trad. Sestili, 2014, p. 85-87). Si veda anche Pelagon. 44, 1 (da cui dipende Veg. mulom. 2, 45, 4). Sul passo di Apsirto cfr. Oder, 1926, p. 127-128.

87 Cam, 2009, p. 201: «La machine de Chiron et Végèce était, selon toute probabilité, construite sur le principe du trispaste horizontal, ce devait être une moufle: la réduction a été longtemps pratiquée à la moufle chez les vétérinaires [l’A. si riferisce qui ai veterinari moderni] ». Alcuni riferimenti ad autori di medicina antichi in cui sono descritti congegni per la riduzione di fratture e lussazioni si trovano ancora in Cam, 2009, p. 200, n. 34. Per quanto riguarda la medicina veterinaria, è notevole che nella Mulomedicina Chironis (Chiron 643) si accenni all’uso di un organulum, in un contesto diverso tuttavia da quello di cui ci stiamo occupando (cfr. supra, n. 61). Del tutto inverosimile l’interpretazione di Werk, 1920, p. 234, che vedeva in machinam una corruzione di matelinam, che – a suo dire – si sarebbe dovuto accostare al francese matelas, ‘materasso’.

88 Cfr. NGML s. v. macina e macino; Du Cange, 1883-1887, s. v. macina 1, riporta espressamente il nostro passo di Vegezio come esempio del significato di ‘mola’ (cfr. anche le voci macinare, macinarium e macinata 1). Tra le attestazioni più antiche si veda regul. mag. 95, 17: Omnia uero necessaria intus intra regias esse oportet, id est furnus, macinae, refrigerium, hortus uel omnia necessaria. Significative sono anche le varianti grafiche magena (Cod. Caiet. I 33,22) e macena (Cod. Bar. V 3 [a. 1078]; cfr. pure il toponimo del Cod. Sulm., Faraglia, 1888, p. 41 [a. 1130]) per macina e maceno (Cod. Cavens. I 200,11 [a. 934]; Carta a. 1101 [Ecclesiae Venetae illustr. X p. I p. 67]; Mon. arch. Neap. VI 576 p. 47 [a. 1119]) per macino, che ricordano la lezione macene del cod. W di Vegezio.

89 Erronea è pertanto la traduzione spagnola di Robles Gómez, 1999, p. 204, di Veg. mulom. 2, 46: « Si se disloca la rodilla o la cuartilla, haces volver a su sitio en el aparato de la rueda o en el potro [= it. ‘travaglio’] las partes desplazadas ». Medesima identificazione con il travaglio si rinviene in Sestili, 2013, p. 272. In Gitton-Ripoll, 2007, p. 266-267, ci si pone invece l’interrogativo se il travaglio potesse avere altre funzioni, oltre a quella precipua di immobilizzare gli animali. In Sephocle, Gitton-Ripoll e Vallat, 2012, p. 184, non si hanno invece dubbi sul fatto che la machina in questione corrisponda al travaglio. Ma come sarebbe stata esercitata allora la trazione? Merita infine di essere segnalato l’accenno all’uso della macina che fa Dino Dini ancora al cap. 2, 25 del suo già citato trattato di veterinaria (cfr. supra, n. 80), sebbene qui – a quanto pare – venga prescritto di far girare la macina all’animale che ha una lussazione alla spalla, e non di usare questo strumento per esercitare una trazione e mettere così a posto l’arto: « Benché giova molto a fare machinare la robbia o altro dificio simile, cholle spalle abbi a pontare...» (si cita ancora dall’ed. a cura di Boano, Bertoldi e Vitale-Brovarone reperibile all’indirizzo www.pluteus.it).

Haut de page

Table des illustrations

Titre Fig. 1. Ricostruzione della macchina di de Saunier in Hoffmann, 1908, 1, p. 38, fig. 1.
URL http://pallas.revues.org/docannexe/image/3850/img-1.jpg
Fichier image/jpeg, 84k
Titre Fig. 2. Ricostruzione del funzionamento della rota in Sephocle, Gitton-Ripoll e Vallat, 2012, p. 184.
URL http://pallas.revues.org/docannexe/image/3850/img-2.jpg
Fichier image/jpeg, 80k
Titre Fig. 3. Leiden, Universiteitsbibliotheek, Voss. Gr. Q. 50 (V), f. 114 (si ringrazia la Biblioteca per la concessione).
URL http://pallas.revues.org/docannexe/image/3850/img-3.jpg
Fichier image/jpeg, 636k
Titre Fig. 4. New York, Pierpont-Morgan Library, M.735, f. 97v.
URL http://pallas.revues.org/docannexe/image/3850/img-4.jpg
Fichier image/jpeg, 236k
Titre Fig. 5. London, © The British Library Board, Add. 15097, f. 94v.
URL http://pallas.revues.org/docannexe/image/3850/img-5.jpg
Fichier image/jpeg, 1,0M
Titre Fig. 6. Modena, Biblioteca Estense, α. J. 3. 13, f. 34v (su concessione del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo).
URL http://pallas.revues.org/docannexe/image/3850/img-6.jpg
Fichier image/jpeg, 416k
Titre Fig. 7. Bologna, Biblioteca Comunale dell’Archiginnasio, A 1525, f. 81v.
URL http://pallas.revues.org/docannexe/image/3850/img-7.jpg
Fichier image/jpeg, 444k
Titre Fig. 8. Modello in bronzo di biga di età romana (British Museum, inv. GR 1894.10-30.1 [Bronze 2695] © Trustees of the British Museum).
URL http://pallas.revues.org/docannexe/image/3850/img-8.jpg
Fichier image/jpeg, 112k
Titre Fig. 9. Modello in bronzo di biga di provenienza gallo-romana (Musée d’art et d’archéologie du Pays de Laon, Inv. 0.1176).
URL http://pallas.revues.org/docannexe/image/3850/img-9.jpg
Fichier image/jpeg, 66k
Haut de page

Pour citer cet article

Référence papier

Vincenzo Ortoleva, « I termini rota, strophus, mac(h)ina e la riduzione della lussazione della spalla del cavallo », Pallas, 101 | 2016, 115-141.

Référence électronique

Vincenzo Ortoleva, « I termini rota, strophus, mac(h)ina e la riduzione della lussazione della spalla del cavallo », Pallas [En ligne], 101 | 2016, mis en ligne le 23 juin 2016, consulté le 24 octobre 2017. URL : http://pallas.revues.org/3850 ; DOI : 10.4000/pallas.3850

Haut de page

Auteur

Vincenzo Ortoleva

Professore ordinario di Filologia classica
Università di Catania
ortoleva@unict.it

Haut de page

Droits d’auteur

Licence Creative Commons
Pallas – Revue d'études antiques est mis à disposition selon les termes de la licence Creative Commons Attribution - Pas d'Utilisation Commerciale - Pas de Modification 4.0 International.

Haut de page
  • Logo Presses universitaires du Midi
  • Revues.org